#Consigliocomunale Tra strade a pezzi ancora per un anno (forse) e l’Unione dei Comuni che (non) c’è

fb_img_1464196852820.jpgDurante il Consiglio Comunale di lunedì 20 giugno, in cui si sono discusse alcune variazioni al bilancio di previsione 2016, siamo intervenuti su una di queste variazioni, secondo noi, la più significativa in quanto viene stralcio completamente il mutuo di 150.000 Euro per il rifacimento delle strade, a seguito-come hanno argomentato il Sindaco e l’assessore alla finanze-del cambio di normativa visto che il lascito Scanzio viene conteggiato tra gli investimenti. Su questa variazione abbiamo espresso voto contrario, in quanto riteniamo che questa situazione poteva e doveva essere monitorata già ben prima, perché la nuova normativa di bilancio non è stata stravolta dal Decreto Ministeriale del 30 marzo scorso che rivede i parametri di calcolo e quindi a nostro avviso c’è stata una sottovalutazione dell’Assessore alle Finanze e degli uffici: per logica di bilancio anche un lascito se investito in BOT/BTP è un investimento! Rimangono ferme le nostre valutazioni, già condivise con il Sindaco, sul fatto che occorrono comunque alcuni correttivi alla norma per non bloccare gli investimenti ed è giusto far sentire la propria voce ai livelli più alti  e abbiamo anche invitato il Sindaco a scrivere alla Corte dei Conti e chiedere di mantenere la possibilità di spesa del mutuo; però non si può dire che solo oggi ci si accorge di aver sforato la capacità d’investimento e gli equilibri, tagliando, così, un mutuo importante per il rifacimento strade che da troppi anni i candelesi attendono ed ora dovranno aspettare non si sa ancora per quanto altro tempo!

Infine abbiamo anche posto l’accento in modo deciso sulla convenzione di polizia locale tra i Comuni di Candelo, Benna e Villanova B.se, su cui ci siamo astenuti in quanto non comprendiamo perché non sia l’Unione dei Comuni, di cui facciamo parte, a svolgere il servizio per tutti i Comuni, viste le difficoltà di personale che tutti i Comuni lamentano. Ormai sono due anni che questa Unione esiste sulla carta, ma non è ancora operativa in quanto manca un bilancio, nessun servizio fondamentale e non è stato consorziato e neppure il Consiglio è stato più riunito e senza queste condizioni non si possono avere nè fondi, nè contributi. Ci chiediamo che volontà ci sia nel perseguire l’azione di questa Unione, in cui l’unico Comune che ci ha sempre creduto è stato Candelo; se ne vale ancora la pena rimanere oppure se guardare ad Unioni con Comuni a noi limitrofi più grandi e strutturati. Pensiamo che non sia sufficiente la presenza a spot di questo Ente oggi magari sul problema cinghiali o sul dire no all’ampliamento della discarica di Cavaglià, senza saperne nulla e senza presentare una proposta alternativa valida e queste sono solo alcune delle questioni.

Crediamo fortemente nella sinergia tra Enti locali, ma questa deve essere sentita da tutti i Sindaci e non solo da alcuni e ci auguriamo che quanto prima il Parlamento approvi la nuova normativa sulla riorganizzazione degli enti territoriali e imponga dall’alto (altrimenti non si va da nessuna parte!) una forte razionalizzazione che passi per Unioni vere e fusioni tra Comuni, ovviamente con maggiori risorse per far fronte all’avvio di nuove forme di gestione di servizi.

Questo è il futuro, speriamo che i Sindaci dell’Unione della Pianura Biellese lo comprendano  e pensino a difendere il proprio orticello o la sedia!

Candelo, 23 giugno 2016

I consiglieri comunali del gruppo “Candelo Città Possibile”

Renzo Belossi

Erika Vallera

Silvia Girardi

Annunci

#rifiuti E i rifiuti ingombranti rimangono per strada! Oppure devono mettere le gambe per andare all’ecocentro?

downloadI sottoscritti consiglieri comunali Erika Vallera, Renzo Belossi, Silvia Girardi del gruppo consiliare Candelo Citta Possibile

PREMESSO CHE

– Risulta sospeso per il periodo Marzo/Settembre il servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti presso il Comune di Candelo.

– Tale servizio, nel periodo indicato, deve dunque ritenersi sostituito dal mercato del riuso noto come “al dì d’la rumenta” ove le persone possono liberamente portare i propri rifiuti ingombranti che a fine giornata, se non prelevati da altre persone, vengono raccolti da Seab oppure sostituito dall’autonoma consegna in discarica. Nel predetto periodo pertanto i cittadini che si trovino nella situazione di dover smaltire tale tipo di rifiuti risultano costretti a scegliere fra le predette alternative.

– Non può non sottolinearsi che il sito del Comune di Candelo non evidenzia correttamente tale sospensione del servizio, nè le modalità alternative di conferimento previste per il periodo.

– Allo stesso modo il sito internet non indica agevolmente le date mensili in cui si svolgerà il mercatino del riuso. Tali date infatti sono reperibili dal sito Seab ma non da quello del Comune di Candelo.

CONSIDERATO CHE

– La sospensione del servizio è già di per sè naturale portatrice di ovvie difficoltà a quella parte di residenti che, per le più svariate ragioni (persone anziane, sole e/o con difficoltà di spostamento), non è in grado di trasportare questo genere di rifiuti.

– A tale difficoltà deve aggiungersi che la carenza di comunicazione comporta inoltra ulteriori difficoltà alla cittadinanza che, inevitabilmente, si ripercuotono sugli uffici che vengono occupati con richieste che una corretta comunicazione potrebbe evitare.

In ragione di quanto detto, lo scrivente gruppo consiliare

INTERPELLA IL SINDACO E L’ASSESSORE COMPETENTE

per sapere se:

1. All’atto delle decisione di sospendere il servizio di ritiro dei rifiuti ingombranti nel periodo Marzo/Settembre è stata fatta una valutazione delle possibili criticità per una parte della cittadinanza? Quali sono state le risposte in merito che hanno portato alla decisione di sospendere il servizio?

2. E’ stata valutata l’ipotesi di offrire alla cittadinanza un servizio di trasporto dei rifiuti ingombranti per i residenti (ad esempio, oltre una determinata soglia di età o con difficoltà motorie) che si trovino nell’impossibilità di portare autonomamente gli stessi nella zona predisposta per le giornate del riuso?

3. Quali mezzi di comunicazione sono stati scelti per informare la cittadinanza della sospensione del servizio di raccolta rifiuti ingombranti nel periodo Marzo/Settembre?

Candelo, 21.06.2016

I consiglieri comunali

Erika Vallera

Renzo Belossi

Silvia Girardi

#Baraggia Grande successo la proiezione di “Un mondo che non diresti”

12  3

Ieri sera al Cinema Verdi si è svolta la proiezione del docufilm “Un mondo che non diresti-Poesia per la Baraggia di Candelo” del regista biellese Giorgio Clerici. Per noi è stato un successo vedere in sala 140 persone tra cui molte in piedi-tra cui anche il Sindaco e consiglieri comunali di Candelo ed ex Sindaci di Candelo- che hanno assistito per un’ora a questa proiezione che ci ha portato a scoprire e riscoprire la Baraggia; i suoni che l’avvolgono; gli animali che la popolano; le persone che ci vivono quasi tutto l’anno che sono i pastori.

La Baraggia che è la nostra savana biellese, è un nostro bene del territorio da preservare, valorizzare, tutelare sempre più e vivere, con questa iniziativa abbiamo voluto lasciare ai presenti proprio queste idee e stimolare idee, proposte, progetti che possano servire alla valorizzazione e tutela di questo grande parco naturale.

Tutto questo è stato possibile grazie ad un lavoro di squadra tra noi, il registra Giorgio Clerici, il Cinema Verdi e alcune amiche e amici di Biella che si hanno collaborato alla buona riuscita dell’evento, che vogliamo ringraziare per il lavoro e impegno.

Sconto sui rifiuti per chi usa il composter. Ma i composter e i soldi ci sono per tutti i candelesi?

compostAl Sindaco di Candelo Mariella Biollino

All’Assessore alle Finanze Lorena Valla

All’Assessore all’Ambiente  Giuseppe Lacchia

Oggetto: interpellanza in  merito a composter, riduzione  TARI e rifiuti ingombranti

I sottoscritti consiglieri  comunali Erika Vallera, Renzo  Belossi, Silvia Girardi del  gruppo consiliare Candelo  Citta Possibile

PREMESSO CHE

– Negli ultimi anni molti  Enti locali hanno dimostrato  grande attenzione alla  diffusione di buone prassi  fra i propri cittadini; in  particolar modo, sulle  tematiche ambientali, il  recupero e il riciclaggio dei  rifiuti.

– É noto che la diffusione  del compostaggio domestico  permetta di ridurre in modo  significativo il quantitativo  di rifiuti conferiti in  discarica;

– L’utilizzo di tale pratica  è ormai diffuso in molti  Comuni e, inoltre, molti Enti  al fine di favorire l’uso di  composter hanno adottato un  sistema premiale di  scontistica sulla tassa  rifiuti ai cittadini che  dimostrano di utilizzare una  compostiera.

– In molti casi, inoltre, il  compostaggio domestico viene  incentivato mediante consegna  gratuita di composter ai  residenti.

– Nel programma elettorale  depositato dalla lista “ Candelo Crescere Insieme” si  legge a pagina 12 che è  intenzione di questo Comune  applicare sconti alla tariffa  rifiuti ai cittadini che  utilizzano composter. Previa  verifica, con Seab, del  numero di composter e tampe  presenti e regolarmente usate.

– Nel Consiglio Comunale  tenutosi in data 30.07.2014,  in occasione dell’ approvazione del regolamento  per l’applicazione della TARI,  l’Assessore alle finanze,  dando atto della necessità di  apportare delle modifiche al  precedente regolamento (in  particolare per l’ introduzione di agevolazione  per le utenze domestiche sia  in materia di raccolta  differenziata sia in ambito  socio-assistenziale)  formulava proposta di  delibera volta a modificare  il regolamento già approvato  dal Consiglio Comunale in  data 16.05.2014, inserendo,  quale ipotesi di riduzione  della tariffa, al comma II  art. 15 la lettera d): “del  10% alle utenze domestiche  che abbiano avviato il  compostaggio (utilizzo di  composter – tampe) dei propri  scarti organici ai fini dell’ utilizzo nel territorio  comunale del materiale  prodotto, previa verifica con  visita a domicilio del  soggetto gestore, della  pratica del compostaggio.”

CONSIDERATO CHE

– Già in quella sede, lo  scrivente gruppo consiliare  per il tramite del proprio  capogruppo, evidenziava che,  a fronte della annunciata  applicazione di uno sconto  sulla tassa rifiuti per gli  utilizzatori di composter si  sarebbe dovuto provvedere ad  un aumento degli stessi e a  tenere in debito conto l’ impatto economico, al fine di  garantire effettivamente a  tutti gli utilizzatori la  promessa riduzione tariffaria.  Evidenziando, inoltre, che  già dagli anni precedenti  risultavano un buon numero di  richieste non evase per  carenza di composter.

– Il Sindaco Biollino  assicurava che per Ottobre ( ndr. Ottobre 2014!!!) si  sarebbe effettuato il  necessario censimento e,  successivamente, si sarebbe  posta in essere l’annunciata  riduzione.

Tutto ciò premesso, il gruppo  consiliare “Candelo Città  Possibile”

INTERPELLA IL SINDACO E GLI  ASSESSORI COMPETENTI

per sapere :

1. se il censimento di cui  sopra è stato fatto ed,  eventualmente, quali siano i  risultati;

2. come l’Ente intenda  comportarsi nella plausibile  ipotesi in cui le richieste  di compostiere siano, anche  successivamente al censimento,  maggiori della disponibilità.  In particolar modo:

– quanti cittadini  richiedenti un composter  risultano esclusi a causa  della carenza degli stessi?

– qual è la previsione di  spesa che il Comune dovrà  affrontare per acquistare  nuovi composter da consegnare  ai richiedenti?

– il Comune intende fornire  comunque la riduzione anche  ai soggetti che, pur avendo  presentato corretta richiesta  di un composter, non  riusciranno ad ottenerlo per  problemi di quantitativo?

3. Se è stata fatta una reale  previsione della totalità di  sconto e se la cifra risulta  comunque sostenibile per il  Comune anche nell’ipotesi in  cui, tutte le famiglie  candelesi con spazi idonei,  dovessero dotarsi di un  composter e, di conseguenza,  avere diritto allo sconto del  10%; a fronte del fatto che  non sembra risultare nel  bilancio di previsione 2016  un capitolo di spesa dedicato  a ciò.

Candelo,. 9 giugno 2016

I consiglieri comunali

Erika Vallera

Renzo Belossi

Silvia Girardi

Proiezione del docufilm “Un mondo che non diresti” (poesia per la Baraggia di Candelo)

Un docufilm, realizzato dal biellese Giorgio Clerici, che racconta il susseguirsi delle stagioni nella riserva naturale delle Baraggia del Comune di Candelo, un viaggio tra la natura, alla scoperta e riscoperta di questa grande risorsa a due passi da casa nostra. L’invito è esteso a tutti i cittadini e a tutti gli interessati.

Appuntamento martedì 21 giugno 2016 alle ore 21, presso il cinema Verdi di Candelo.

locandina-con-simboli-