#Candeloinformata Ultimo Consiglio Comunale, un punto sulla situazione su programmi per ora solo annunciati e non solo…

consigliocomunaleLunedì 23 luglio nel Consiglio Comunale, come gruppo di minoranza, durante la discussione sul Documento Unico di Programmazione, abbiamo posto, proprio perché si parlava di programmazione pluriennale, una serie di questioni che da un po’ di tempo sono senza notizie. Nell’ordine abbiamo richiesto quale sarà il futuro dell’area sportiva di San Giacomo, visto che dopo soli 13 anni  è stato portato a termine il nuovo campo sportivo (ricordiamo che dal 2005 il Comune paga il mutuo per la realizzazione di questa opera), perché ci preoccupano i costi di gestione (da tempo chiediamo chiarezza) della nuova struttura e come sarà affidata la gestione, affinché questo complesso sportivo possa essere utilizzato da tutti e al contempo ospitare le partite delle squadre sportive, senza dimenticare i necessari e urgenti interventi che necessitano gli spalti e gli spogliatoi. Sempre in tema di gestione, è stato richiesto al Sindaco che fine abbia fatto il bando per la gestione dell’area camper, dopo aver visto la rinuncia dell’affidatario della prima gara, in quanto come Comune a vocazione turistica, non possiamo permetterci di non avere una gestione degna di quell’area che possa offrire i giusti servizi ai camperisti e magari generare un piccolo introito per il Comune, da utilizzare per il mantenimento dell’area stessa.

Altra questione posta è il bando per i contributi al commercio ( su progetti innovativi), a seguito di una mozione anche condivisa da questo gruppo, visto che se ne è parlato per mesi ma ancora oggi non c’è stata alcuna novità e si attendono novità.
 
In tema di opere pubbliche abbiamo ancora una volta segnalato la necessità di interventi di manutenzione in generale ed in particolare di alcuni canali che risultano invasi da folta vegetazione e arbusti che, viste anche le recenti forti precipitazioni, potrebbero causare pericoli a causa di un deflusso non regolare delle acque. Sempre sull’argomento, abbiamo sottolineato che a fronte della prossima conclusione del cantiere in Piazza Castello che culminerà con il rifacimento della pavimentazione di Via Marco Pozzo, deve essere valutata la possibilità di intervenire su tutta la via che è in pessime condizioni, in quanto riteniamo poco sensato amministrativamente, risistemare solo il primo tratto della strada e lasciare, così com’è, l’altra parte. Pur sapendo che la chiusura di questa parte di via creerà disagi, pensiamo che si possa sopportare la chiusura per un periodo un poco più lungo proprio per completare i lavori nella sua interezza, anche perché non può far paura la chiusura di qualche settimana in più visto che abbiamo sopportato un anno di cantiere in Piazza, con tutti i disagi connessi.
 
Riguardo il recupero degli insoluti, abbiamo apprezzato la relazione di aggiornamento dell’assessore alle finanze e ribadito che anche grazie alle nostre continue richieste incalzanti, l’amministrazione si sia attivata senza nascondere il problema, come fatto nei passati anni.
 
Infine sul rinnovo della convenzione per l’asilo nido con Gaglianico, rinnovata per un solo anno, non potevamo non esporre le nostre grandi preoccupazioni sul continuo calo di iscritti, il quale con l’aumento dei costi porterà sicuramente all’aumento delle tariffe per le famiglie, facendo sì che l’unica cosa buona della scelta sbagliata di chiudere l’asilo nido di Candelo, verrà meno e quindi non esisterà nemmeno un vantaggio economico. Sul tema non abbiamo sentito soluzioni immediate e pertanto è stato richiesto all’amministrazione, almeno di promuovere l’asilo nido per riuscire ad attrarre nuove famiglie e bambini.
 
I Consiglieri di “Candelo Città Possibile”
Renzo Belossi
Silvia Girardi
Erika Vallera  

#Candeloinformata Cambio orario alle poste di Candelo. Dalla parte dei candelesi per evitare disagi

 

Cattura

Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, di giugno, il Sindaco ha informato che Poste Italiane attuerà per il mese di agosto prossimo, un orario ridotto per l’ufficio di Candelo tenendo aperto solo tre giorni a settimana. Tale nuova impostazione, anche se solo per un mese circa, non va bene e danneggia fortemente i candelesi che utilizzano l’ufficio (e non sono pochi), per questo ci associamo alle preoccupazioni espresse dal Sindaco e dichiariamo sino da ora che qualora si intenda assumere una posizione e/o azioni come Consiglio Comunale, daremo il nostro sostegno affinché Poste Italiane riveda la propria proposta di nuovo orario per agosto e continui ad erogare il servizio orario in modo regolare.

 
Per Candelo Cittá Possibile
Il capogruppo
Renzo Belossi 

#Candeloinformata Ultimo Consiglio Comunale. Rendiconto 2017: ok i conti con alcune osservazioni su area camper, turismo, tassa rifiuti

arconet-sul-nuovo-prospetto-equilibri-dal-rendiconto-2016-300x136Nel consiglio comunale di lunedì 16 aprile, si è discusso del bilancio del rendiconto relativo all’anno 2017.

Come gruppo “Candelo Città Possibile” abbiamo rimarcato che da un punto di vista solamente economico-finanziario, il bilancio del Comune sicuramente è sano e presenta un avanzo cospicuo, ma questi fattori hanno un’incidenza sull’erogazione complessiva dei servizi per i candelesi: si pensi al fatto che la spesa del personale è in diminuzione negli ultimi 3/4 anni, ma questo significa non poter assumere nuove persone e non poter nemmeno rimpiazzare chi è andato in pensione, a fronte anche del fatto che Candelo dovrebbe avere 40 persone e ha un organico di 28 persone; altra questione è l’indebitamento, in continua discesa negli ultimi 8 ani e ciò è indice positivo, ma corrisponde, purtroppo, a una riduzione di debito fatto per investimenti utili, perché indebitarsi significa anche realizzare opere, strutture durature nel tempo e per la collettività.

Dal punto di vista della gestione politica e amministrativa, abbiamo rimarcato, riguardo i dati di accesso al Ricetto, che quando si parla di 320.000 accessi questi non equivalgono a 320.000 persone, ma questo dato va ridotto almeno del 75/80 %, questo al fine di comunicare dati più realistici e che comunque fanno ben sperare al nostro territorio e che rappresentano fonte di sviluppo locale, una strada questa che non si può abbandonare. Sempre sul tema turistico abbiamo chiesto aggiornamenti in merito alla gestione dell’area camper, visto che da più di un anno e mezzo-da quando chi si aggiudicò il bando ha deciso di rinunciare alla gestione-questa zona che deve essere uno dei punti di forza, non è gestita da nessuno e alcuni camperisti interessati a fermarsi a Candelo, molte volte hanno optato per altri luoghi, in quanto non potevano accedere a nessun servizio (energia, scarichi, acqua). Occorre quanto prima affidare la gestione dell’area, al fine di dare un servizio pieno ai turisti e far sì che quel investimento possa rendere per Candelo.

Infine, appreso dal Sindaco che parte dell’avanzo di amministrazione sarà utilizzato per un sistema di videosorveglianza e ne siamo soddisfatti, anche perché è tempo che ci battiamo per questo parte del nostro programma, abbiamo sottolineato come la nostra proposta di mettere le telecamere per colpire gli abbandoni di rifiuti, è da intendersi quale metodo per poter riuscire a scoprire chi sono le persone e multarle con sanzioni salate, non di certo mettere una telecamere ogni dove, questo sarebbe impossibile. Sempre sull’argomento rifiuti e costo della TARI, sempre più all’ordine del giorno, nonché sull’idea di introdurre la TARIP a Candelo come ha spiegato il Sindaco, abbiamo proposto, affinché questa discussione non rimanga solo sui giornali e sui social, all’amministrazione di organizzare un incontro aperto o consiglio comunale aperto alla cittadinanza, a cui far partecipare SEAB e COSRAB, in cui parlare degli abbandoni; di come si compongono i costi della tassa rifiuti; del servizio in genere; di eventuali proposte per poter abbattere il consumo di rifiuti e i costi.
Sarebbe un modo per renderci tutti (amministratori e candelesi) più consapevoli su come funziona questo servizio e poter a noi amministratori un quadro ancora più completo, per poter fare le migliore scelte anche in vista della scadenza dell’affidamento a SEAB.

I consiglieri comunali di “Candelo Città Possibile

Renzo Belossi

Silvia Girardi

Erika Vallera

#ambiente #Candelo Fermiamo l’abbandono di rifiuti

rifiuti_abbandonatiE’ sempre più frequente l’abbandono indiscriminato di rifiuti in tutto il biellese e anche a Candelo. Recentemente il Sindaco di Candelo ha segnalato alcuni rifiuti abbandonati e anche noi come gruppo di minoranza più volte abbiamo, purtroppo, segnalato casi di abbandoni di rifiuti nelle più svariate zone di Candelo. E’ una vergogna senza fine che mortifica tutti i candelesi che pagano diligentemente e puntualmente la tariffa rifiuti, anche magari con fatica, e rispettano gli altri, i beni comuni e l’ambiente.
 
Sicuramente in occasione della “Giornata del Bene Comune” organizzata dall’amministrazione in primavera, a cui aderiremo come gli anni passati, ci si dedicherà a pulire alcune di queste zone e lo si farà per amore verso il paese in cui viviamo, anche se sarebbe bello poter vedere chi ha sporcato, andare a ripulire!
 
Non diamola comunque vinta a queste persone e segnaliamo sempre questi abbandoni sul nostro territorio. Noi come gruppo consiliare ogni qualvolta noteremo abbandoni non esiteremo a farlo; inoltre cogliamo l’occasione per chiedere al Sindaco e alla Giunta di partire al più presto con alcune telecamere nei punti sensibili di Candelo e dove questo fenomeno si è già verificato, per cercare di fermare questa ormai “piaga” del deposito abusivo di rifiuti e magari anche riuscire a colpire questi maleducati, per non dire di peggio…Candelo non merita tutta questa mancanza di rispetto!
Per “Candelo Città Possibile”
Renzo Belossi
Capogruppo

#Candeloinformata Consiglio comunale del 12 marzo: urbanistica, Ricetto, commercio e innovazione

fb_img_1464196852820.jpgIl consiglio comunale di lunedì 12 marzo è stato un momento di confronto positivo, su argomenti importanti per Candelo. E’ stato affrontato il tema urbanistico, con la proposta di alcune varianti non strutturali al Piano Regolatore: tra cui  un piano di recupero nel Nucleo di Antica Formazione, proposta non scontata e positiva per il recupero del centro storico e la possibilità in un futuro, di realizzare un parcheggio nell’area accanto alla passeggiata degli alpini al fondo di Via del Cervo, utile nei momento di grande afflusso di visitatori, visto che sempre più spesso, il problema dei parcheggi diventa grande soprattutto in occasione delle manifestazioni.

visione dall'alto RICETTO 991Altri due temi hanno tenuto banco e impegnato, in un confronto ricco di spunti e costruttivo, tutti i gruppi consiliari. Il Primo il Ricetto e la delibera strategica d’indirizzo che prevede azioni da noi condivise (censimento cellule, destinazioni d’uso concesse, eventi/iniziative ammesse, database delle attività) a ciò abbiamo aggiunto che occorre anche parlare di conservazione edilizia del bene, perché sono necessari interventi sulle parti pubbliche e quindi è necessario reperire risorse dedicate, e bisogna pensare anche alla gestione complessiva di questo grande patrimonio storico-culturale che è per Candelo e per il Biellese e oltre e con ciò intendiamo dire, come ormai da tempo affermiamo, che se vogliamo continuare a mantenere, e anzi innalzare i livelli di offerta di eventi e turismo, servono professionisti da affiancare alla Proloco, in quanto i soli volontari, che tanto fanno e hanno fatto, non possono giustamente reggere sulle spalle da soli un impegno così grande e che speriamo continui, sempre più, a svilupparsi.

1-LQHJ9eBbUJvtbVVTxCjMrgL’altro tema affrontato è stato il commercio, con la delibera di indirizzo con azioni e strumenti da offrire ai commercianti locali. Di questa proposta siamo particolarmente soddisfatti, in quanto già a fine 2017 proponemmo una mozione di impegno affinché l’amministrazione pubblicasse un bando per concedere contributi al commercio candelese- visto il periodo di crisi e le difficoltà causate dai cantieri-sulla base di proposte prima di tutto innovative; oggi anche quanto da noi allora proposto è stato recepito nella delibera e pensiamo che il nostro intervento sia stato utile nell’accelerare il percorso. Nel corso della discussione abbiamo anche voluto sottolineare come il commercio, oltre agli strumenti messi a disposizione del Comune, deve inserirsi sempre più in un’ottica propositiva e di collaborazione tra commercianti e Comune, vista anche con la ripresa delle attività dell’Associazione Commercianti Candelo che aveva avuto un fermo momentaneo; puntare sulla formazione e sulla qualità dei prodotti. E soprattutto sull’innovazione e la tecnologia, perché è vero che il web con l’e-commerce ha tolto fette di mercato ma anche vero che questo stesso strumento, può diventare, se utilizzato bene, una vetrina per la propria attività e un generatore di nuove vendite anche per i piccoli commercianti.

Il futuro passa anche da questo e Candelo, inserito in mondo globalizzato e in rete, non può starne fuori. E’ vero che gli sforzi da compiere sono tanti, ma se si compiono in collaborazione tutto può essere più facile e sicuramente più utile. Puntiamo da oggi in poi a una Candelo 2.0!

I Consiglieri comunali

Renzo Belossi

Silvia Girardi

Erika Vallera

 

#Candeloinformata Bilancio 2018, le nostre proposte su controllo del territorio e attrazione di nuovi residenti

fb_img_1464196852820.jpg Nell’ultimo Consiglio Comunale del 15 febbraio, in cui è stato discusso e approvato il bilancio di previsione per l’anno 2018, abbiamo messo in evidenza alcune questioni che ci hanno comunque portato ad astenerci.

arconet-sul-nuovo-prospetto-equilibri-dal-rendiconto-2016-300x136

Su due temi importanti abbiamo portato la discussione, il primo riguarda il controllo del territorio chiedendo alla Giunta di attivarsi per realizzare con un sistema di videosorveglianza viste le  problematiche, di sicurezza e riguardo l’abbandono indiscriminato di rifiuti sul nostro territorio ed in quelli limitrofi, ricordando come il Consiglio Comunale nel 2015 abbia già preso impegni specifici con la mozione , all’unanimità, con  la mozione “Candelo sicura, pulita e rispettosa del bene comune” approvata da Consiglio Comunale il 12 giugno 2015 e che prese spunto dalla nostra mozione “#CandeloinComune, Candelosicura”,  la quale prevede una serie di impegni precisi e di azioni concrete, in parte già intrapresi come la “Giornata dei Beni Comuni”, ormai diventato appuntamento di impegno civico da parte degli amministratori, delle associazioni e dei singoli candelesi, ed in parte attivabili, come ad esempio l’installazione di sistemi di videosorveglianza del territorio, che oltre a servire per il controllo degli abbandoni di rifiuti, potrebbero servire anche per il controllo ai fini di sicurezza. 

Il secondo per chiedere alla Giunta interventi precisi che possano portare nuove persone a Candelo a cominciare dai giovani, visto che il paese, pur in maniera ridotta, perde abitanti e occorre guardare e pensare al futuro con azioni concrete, mettendoci la stessa grinta e tempo che fino ad oggi il Sindaco e la sua giunta hanno riposto nello sviluppo del Ricetto e delle manifestazioni , affinché si possa dare una visione del paese complessiva che pensa al domani in tre direzioni: sviluppo locale e turistico; attrazione di nuovi residenti a cominciare dai più giovani, magari portando nuove attività economiche o con contributi/sgravi sulle tasse per i nuovi residenti; sviluppo sociale rivolto ad anziani e persone più deboli con il progetto di partenariato pubblico-privato per l’RSA-Casa di Riposo “La Baraggia”

Abbiamo colto in modo positivo il non aumento delle imposte, tasse, tariffe e delle relative agevolazioni mantenendole ai livelli dell’anno passato e il fatto che, dopo anni di discussioni, il bilancio contempli una entrata generata dal turismo ed eventi ovvero una quota dei biglietti delle manifestazioni va al Comune, idea su cui sin dal 2014 ci battiamo; su quest’ultimo punto riteniamo sia corretto che quanto incassato venga destinato, non tanto a coprire esigenze generali di cassa, bensì esigenze specifiche nel campo della manutenzione e dell’abbellimento del paese e proprio sulla manutenzione degli immobili comunali abbiamo portato l’attenzione, riguardo alcuni lavori di bitumatura delle strade realizzati non pienamente a regola, tanto da aver costretto a ripristini in più zone, e visto che alcune strutture ad uso sociale, come da tempo ricordiamo, necessitano di interventi quali il centro polifunzionale “le Rosminiane” e gli spalti e i servizi/spogliatoi del campo da calcio di San Giacomo.

Infine abbiamo espresso la nostra preoccupazione generale sul tema rifiuti, non sul costo del piano finanziario di Candelo che non aumenta la Ta.Ri, bensì sui possibili effetti della prossima sentenza del TAR Piemonte riguardo il ricorso all’ampliamento concesso da COSRAB ad ASRAB, presentato da alcuni Comuni biellesi e vercellesi, che in caso di accoglimento potrebbe portare ad aumento della tassa non solo a Candelo ma nel biellese.

I consiglieri comunali

Renzo Belossi

Silvia Girardi

Erika Vallera

#Candeloinformata News dall’ultimo Consiglio con progetti futuri per Candelo

fb_img_1464196852820.jpgDue questioni importanti sono state affrontate nel corso del Consiglio Comunale di lunedì 11 dicembre, oltre alla consegna delle borse di studio alle ragazze e ragazzi di Candelo a cui vanno i nostri complimenti e siamo fieri di avere giovani con grandi capacità e grande volontà .
La prima riguarda l’avvio ufficiale del progetto di Partenariato Pubblico Privato per l’ampliamento della RSA La Baraggia (Casa di riposo); il progetto, su cui tutto il Consiglio Comunale ha partecipato alla sua elaborazione e condivisione, riguarda lo sviluppo futuro da attuarsi con l’intervento di un soggetto privato disposto, oltre a rilevare le quote societarie poste in vendita in base alla nuova normativa in tema di società partecipate, a presentare un piano di ampliamento accanto alla struttura esistente su terreno comunale, per creare un piccolo polo di mini-alloggi per gli anziani con servizi sociali, assistenziali e servizi comuni generali, il cui proponente gestirà per agli anni a venire. Un’idea che, secondo noi, guarda al futuro di questa struttura, idea tra l’altro già pensata da passati amministratori locali di Candelo, e che a differenza della vendita prospettata nel 2011/2012, con una normativa differente, non va a svendere i propri beni (terreno e fabbricato) e ci auguriamo che quanto prospettato possa diventare realtà.

La seconda riguarda la tormentata questione (e non solo per Candelo), dello svolgimento delle funzioni in modo associato e dell’unione dei Comuni. Come Consiglio Comunale si è preso atto che  l’Unione è presente solo sulla carta, e a nostro parere un po’ per mancanza di coraggio da parte degli amministratori nel farla avanzare mettendo insieme le funzioni e un po’ per un quadro normativo nazionale e regionale non sempre ben definito e in presenza di poche risorse. Pertanto come Consiglio Comunale, in modo unanime, abbiamo ribadito che l’Unione oggi rimane, sostanzialmente, un luogo di confronto amministrativo e contemporaneamente tracciato una prima novità, perché nell’ambito delle consultazioni territoriali svolte dalla Regione Piemonte per la definizione degli ambiti ottimali per ogni provincia, si chiederà alla Regione che Candelo possa essere inserita nell’ambito ottimale che ricade su Biella. In questo modo si torna, a nostro parere, a dare impulso alla “Grande Biella” anche da parte di Candelo e per noi questo è positivo in quanto abbiamo sempre sostenuto che questa sia la giusta direzione futura per il territorio candelese ed occorre oggi avviare, come già prospettato dal Consiglio Comunale del capoluogo, il percorso di confronto per poter dare vita a questo progetto, che può essere importante per Biella e per i Comuni limitrofi, se si vuole pensare a un futuro che possa vantare maggiori servizi per i cittadini.

I Consiglieri comunali di “Candelo Città Possibile”
Renzo Belossi

Silvia Girardi
Erika Vallera