Programma-Idee

SimboloCCp

PROGRAMMA DI CANDELO CITTA’ POSSIBILE…ESPERENZIA, ENTUSIASMO E PASSIONE VERSO IL FUTURO

Qui di seguito potete leggere il nostro programma elettorale per una Candelo Città Possibille, scaricatelo, diffondetelo tra amici, conoscenti, parenti, condividetelo sui social network, fatelo girare via e-mail.

Programma Candelo Città Possibile in formato pdf

Il programma che proponiamo non è un libro dei sogni, come in molti casi ci siamo abituati a vedere e leggere, bensì proposte chiare, concrete e realizzabili per la Candelo del futuro. Perché oggi progettiamo la nostra città del futuro, con la voglia di ri-generare Candelo dal punto di vista sociale, urbanistico, edilizio, dei servizi e per creare una nuova comunità più coesa e consapevole delle sfide che ci attendono nei prossimi 20 anni e che dobbiamo essere in grado di cogliere e guidare tutti insieme come comunità a partire da adesso.

CANDELO OLTRE IL RICETTO, ATTENZIONE AL RESTO DEL PAESE

Il Ricetto di Candelo, il suo sviluppo turistico e l’indotto economico che in questi anni è stato generato, grazie ad un lavoro di sinergia tra Comune, Associazioni, Proloco, partner pubblici e privati deve essere consolidato, valorizzato e ampliato affinché possa diventare non il motore, ma uno dei motori trainanti per la nostra comunità. Partendo da questo concetto, ossia di un Ricetto inteso come volano della Città, pensiamo sia doveroso e necessario far sì che lo sviluppo turistico debba avere ricadute economiche sull’intero paese, specie verso i quartieri periferici troppo sovente dimenticati. E per questo proponiamo che la parte di incasso delle manifestazioni che va al Comune (al momento si tratta di 0,50 euro per ogni biglietto emesso) adeguatamente incrementata con fondi comunali, venga utilizzata per tenere in ordine, pulito e sistemato il paese a partire dalle zone più lontane da Piazza Castello e il Ricetto. In questo modo si potrebbero raggiungere due obiettivi importanti:

·         l’attenzione al resto di Candelo, dimenticato in molte occasioni dalle amministrazioni comunali degli ultimi 15/20: maggiore cura nelle strade e nelle opere pubbliche, nei servizi;

·         presentare ai visitatori e ai turisti che vengono a Candelo un paese più accogliente;

·         incentivare negozi e attività commerciali e artigianali, non solo le strutture ricettive.

CANDELO A MISURA DI FAMIGLIA E DI RESIDENTI

Negli ultimi anni Candelo ha perso residenti e servizi quali la mensa scolastica, il servizio scuolabus, il nido comunale, il centro di aggregazione giovani, il centro estivo comunale, la direzione scolastica. E poi ancora alcune società sportive: praticare alcuni sport come il calcio o la pallavolo, in paese, per i ragazzi è diventato impossibile.

Dove vengono a mancare i servizi si perde attrattività alla residenzialità, esattamente l’opposto di quanto necessario. E così proponiamo:

·         la possibilità di reintrodurre il servizio scuolabus tramite un appalto di servizio, previo un sondaggio tra le famiglie che portano i propri figli nelle scuole di Candelo, al fine di comprendere il potenziale numero di utenti che ne usufruirebbero;

·         l’ampliamento del servizio di baby parking oggi svolto da privati, laddove un tempo c’era l’asilo nido; inoltre proponiamo di avviare un confronto con il Comune capoluogo, altri Comuni limitrofi ed Enti privati, volto a ricercare nuovi accordi di collaborazione al fine di poter proporre alle famiglie di scegliere un’altra struttura come asilo nido anche fuori Candelo, riconoscendo come Comune un bonus;

·         la ricostituzione di un centro estivo comunale con la collaborazione tra Comune, Parrocchia e altre Associazioni candelesi;

·         la governance a Candelo dei servizi scolastici con lo studio per introdurre la LIS lingua dei segni all’interno del sistema scolastico candelese con focus e corsi per cittadini e commercianti per sensibilizzare su questo importante tema sociale e di progresso;

·         la revisione delle tariffe della mensa scolastica per poterne ridurre ulteriormente il costo a carico dei candelesi;

·         il controllo costante dei costi di gestione del servizio rifiuti gestito da SEAB, al fine di poter monitorare con continuità la spesa ed evitare aumenti a carico dei candelesi;

·         svolgendo un continuo lavoro di recupero degli insoluti delle tasse e imposte comunali evase, per recuperare risorse per i servizi e perché ciò dev’esser un fatto di equità, giustizia e rispetto verso tutti i candelesi che pagano, anche con difficoltà talvolta, le tasse comunali.

E’ anche necessario coinvolgere al meglio i residenti nella vita pubblica di Candelo. E per questo proponiamo:

·         un cartellone degli appuntamenti, delle sagre, delle feste e degli eventi culturali condiviso tra tutte le associazioni e unico;

·         la sistemazione della zona ex area mercato utilizzata per feste, con una struttura comunale di copertura fissa e telescopica e la realizzazione di uno spazio cucina e servizi igienici fissi a servizio delle varie associazioni per la realizzazione di eventi.

CANDELO E’ EUROPA E DALL’EUROPA NASCE LO SVILUPPO

Candelo deve sentirsi Città Europea ed essere orgogliosa di questo, perché l’Europa è la CASA di tutti noi e per questo proponiamo:

·         di impostare progetti mirati, in collaborazione con le scuole e le associazioni, per far comprendere che l’Europa non è soltanto un luogo lontano in cui vengono prese le decisioni sopra le nostre teste e a volte poco comprensibili, ma un luogo di opportunità per tutti.

·         Costituire insieme ad altri Comuni vicini al nostro e con l’aiuto e supporto della Città Capoluogo e della Provincia di Biella, un ufficio/sportello di Euro-progettazione che si occupi di ricercare, valutare e presentare progetti per bandi europei e non solo perché in tempio nei quali le risorse comunali diminuiscono, è doveroso trovare nuove strade per finanziare opere, manutenzioni e progetti di sviluppo della città: facciamo entrare il Comune nel XXI Secolo.

CANDELO SICURA E INCLUSIVA

La sicurezza è un tema sensibile e sentito da tutti e dev’essere gestito senza diffondere paure immotivate, ma per accrescere il senso di sicurezza, per questo intendiamo:

– riportare l’ufficio di polizia municipale in uno spazio più accessibile e visibile a tutti e quindi in uno degli uffici della Casa Comunale in Piazza Castello;

– attivare una collaborazione costante con le forze dell’ordine presenti sul territorio e ripristinare, almeno una volta a settimana, la presenza nell’orario serale di una pattuglia della polizia municipale, che in stretta correlazione con le forze si pubblica sicurezza, monitori il territorio;

– portare avanti i progetti già in parte finanziati per l’istallazione di un sistema di videosorveglianza nei punti più vulnerabili e sensibili del paese, attivando anche un centrale di controllo in collaborazione con Biella ed altri Comuni limitrofi;

– censire i luoghi, le strade, le piazze prive di illuminazione o con scarsa illuminazione in modo tale da portare anche queste zone il miglior servizio che si meritano;

– avviare progetti, in collaborazione con le scuole di ogni ordine e grado e con altre istituzioni sociali, rivolti a far crescere nelle generazioni più giovani il senso di “bene comune” e il rispetto dei nostri beni comuni.

CANDELO PERCORRIBILE

La viabilità di Candelo è un argomento importante e sensibile, non solo per quanto riguarda gli spostamenti, ma anche dal punto di vista ambientale e sociale, per questo noi proponiamo di:

– ripensare la viabilità interna del paese in modo tale da garantire maggiore sicurezza alle persone che si spostano a piedi e in bicicletta: più marciapiedi, più spazi per le bici, una viabilità che sia razionale e rispettosa del pedone e di chi, prevalentemente, si sposta a piedi per il paese, in particolare anziani e bambini;

– avviare la ricerca di finanziamenti per la realizzazione di una strada di gronda all’abitato di candelo cosiddetta “tangenziale di Candelo” al fine di ridurre il traffico veicolare che quotidianamente attraversa la nostra Città con impatti negativi dal punto di vista ambientale, sociale e sanitario. Un progetto su cui investire tempo e attivare tutti i canali istituzionali possibili, per dar vita ad un’opera su cui tutta la politica candelese dibatte da più di 30 anni senza aver mai concluso nulla. Ora è arrivato il momento di far sentire la nostra voce in modo chiaro e forte a tutti i livelli istituzionali, per poter portare a casa un investimento pubblico che serve a Candelo e non ad un parte del biellese.

CANDELO PER I GIOVANI

Il motore pulsante di una Comunità, oltre ad essere il futuro, sono i giovani. Candelo deve puntare su di loro e deve dar loro opportunità per noi questo è possibile con:

·         Il garantire la continuità al Gruppo Giovani, formatosi con la Proloco in questi ultimi anni e che è riuscito ad organizzare grandi eventi nel territorio, coinvolgendo molti giovani candelesi non solo nella partecipazione ma anche nella preparazione delle iniziative;

·         Il mettere a loro disposizione spazi/aree di incontro da condividere anche persone più anziane (esempio piccole aree di incontro attrezzate con panchine), in cui potersi incontrare e ricreare uno spirito di Comunità;

·         l’attivazione di corsi

CANDELO SOCIALE E ACCOGLIENTE

Candelo deve promuovere momenti di incontro e creare una rete fra le associazioni mantenendo la Pro Loco come una realtà di promozione turistica indipendente dalle attività comunali, al pari di altre associazioni presenti in città. Lo sviluppo di una Candelo sociale e accogliente si ottiene:

– mantenendo i servizi sociali sino ad oggi erogati e investendo gli eventuali risparmi per le future generazioni, con progetti dedicati;

– favorendo l’arrivo di nuovi residenti e di giovani coppie che decidono di stabilirsi a Candelo, garantendo sgravi fiscali sulle imposte comunali e/o un bonus per il pagamento delle bollette;

– ampliando l’accesso, in termini di orari a disposizione per il pubblico, dello sportello dei servizi sociali gestito dal Consorzio IRIS, per far fronte in modo migliore ai tanti casi di disagio per cui il Comune deve ascoltare e farsi carico, se necessario;

– con una rete permanente di relazioni tra le Associazioni di Candelo, per una maggior condivisione di idee e risultati nel campo del sociale;

– garantendo al centro anziani adeguato supporto nelle loro attività, anche con l’aiuto di altre associazioni candelesi disponibili e proponendo una condivisione di esperienze tra persone di età diverse, per questo proponiamo un “patto” tra generazioni in cui le persone giovani e le persone meno giovani che partecipano alle tante associazioni di Candelo, collaborano fattivamente insieme. In questo modo di agevolerebbe un reciproco scambio di aiuto ed una sorta di servizio civico comunale.

CANDELO DALLA PARTE DEL LAVORO E DEL COMMERCIO

Il “lavoro” non è una competenza comunale, ma sono molte le azioni che un’amministrazione pubblica può mettere in campo per agevolare lo sviluppo e il ritorno degli insediamenti produttivi. Sono aiuti al commercio e all’artigianato, ma anche all’agricoltura e alle piccole imprese. Noi proponiamo di:

·         favorire gli investimenti privati nei settori economici e commerciali e attrarre nuovi potenziali investitori, per poter dare maggiori impulso allo sviluppo economico e sociale di Candelo;

·         favorire un confronto continuo e operativo tra amministrazione comunale e operatori commerciali, al fine di decidere le migliori strategie per il commercio;

·         creare un apposito sito web a disposizione dei commercianti, per la vendita dei propri prodotti online sfruttando le migliori innovazioni tecnologiche e di marketing;

·         promuovere corsi dedicati ai commercianti per imparare altre lingue straniere e migliorare il loro approccio con il web e far sì che possa diventare una opportunità da cogliere

·         dare maggiore risalto ed importanza al settore agricolo e flori-vivaistico, supportandolo nel proprio sviluppo e legandolo al turistico con azioni concrete quali eventi dedicati di promozione, conoscenza ed avvicinamento;

·         un progetto di accesso al credito per chi vuole intraprendere l’avvio di una nuovo attività, con il supporto del Comune che possa fare da garante e quindi permettere di ottenere più facilmente le risorse necessarie da parte delle banche;

·         avviare progetti di “baratto amministrativo” rivolti a chi si trova in difficoltà economiche e/o sociali o lavorative (mobilità, cassa integrazione prolungata), in questo modo le persone potrebbero essere chiamate a svolgere piccoli lavori di utilità collettiva ed in cambio il Comune può riconoscere un piccolo compenso oppure in caso di mancato pagamento di tributi comunali a causa di difficoltà economiche/sociali concrete e accertate dai servizi sociali, non richiedere il pagamento a fronte dei lavori svolti per il Comune.

CANDELO RISPETTOSA DI SE STESSA: RIGENERAZIONE URBANA E GREEN ECONOMY

La Baraggia circonda Candelo, ma all’interno del Comune è possibile immaginare un incremento del verde pubblico e fruibile, ma anche politiche che consentano una riduzione dell’inquinamento e un’ottimizzazione dei consumi, agevolando le politiche “green”. Noi proponiamo di:

·         favorire la rigenerazione urbana ed edilizia della nostra Città anche in un’ottica di economica circolare, partendo dal recupero dei Nuclei di Antica Formazione, tramite intese specifiche tra Comune-Privati-Banche e ad interventi mirati di riqualificazione urbana di alcune parti, quali ad esempio la Piazza San Pietro, Largo Alpini, le aree pubbliche adiacenti all’area industriale ex Barberis, le zone si San Giacomo;

·         un piano del colore per abbellire omogeneamente la città con incentivi tangibili per chi decide di ristrutturare oltre agli sgravi fiscali, perché una città bella è patrimonio di tutti;

·         ridefinire la fascia di rispetto dell’area cimiteriale, avviando le necessarie azioni amministrative e istituzionali con al Regione Piemonte ed il Ministero competente, riportandola ad un distanza inferiore. La modifica permetterebbe, previo un confronto i privati proprietari, il possibile avvio per le aree industriali limitrofe dismesse, di progetti di riqualificazione complessiva, lasciando spazio all’iniziativa privata ma, al contempo, assicurando un beneficio per la collettività;

·         sviluppare progetti che mirano a risparmio energetico ed all’uso di materiali di bioedilizia o provenienti da materiali di recupero, garantendo sgravi sugli oneri di urbanizzazione;

·         favorire anche nel Nucleo di Antica Formazione l’installazione di impianti fotovoltaici e di solare termico.

CANDELO CITTA’ DELLA CONDIVISIONE PER MAGGIORI SERVIZI

Condividere, mettere in rete e creare collaborazione dev’essere la strategia guida e la visione dei prossimi anni per l’amministrazione comunale. Per questo proponiamo di avviare un percorso concreto che porti alla condivisione, con il capoluogo e con i Comuni limitrofi, di strategie concrete di collaborazione su temi specifici e servizi, affinché, con l’idea concreta di fare rete, si possano mantenere i servizi esistenti migliorandone l’efficienza ed in prospettiva aumentarli, dando così più possibilità ai candelesi.

CANDELO PER LO SVILUPPO TURISTICO E DEL TERRITORIO

Il turismo è importante per la città nella misura in cui diventa il volano della crescita e del miglioramento dell’intero paese. La promozione turistica non può rimanere fine a se stessa e deve necessariamente passare attraverso la struttura unica e caratteristica del Ricetto, accrescendone le potenzialità, ma legandolo ad altre zone del paese per creare un’offerta più ampia. Noi proponiamo di:

-ampliare le potenzialità turistiche e degli eventi, avviando un progetto complessivo di gestione e miglior utilizzo del Ricetto e di quanto abbiamo intorno, con l’aiuto di professionisti del settore che possano aiutare a fare quel salto di qualità che oggi manca e che possa aiutare a far decollare, ancor di più, la presenza di turisti e quindi le ricadute economiche sul territorio;

-ampliare l’offerta turistica, oggi presente, legandola alla natura circostante ed al turismo ecosostenibile e sportivo e quindi creando percorsi dedicati da percorrere a piedi e in bici che possano portare a visitare il Parco della Baraggia, la natura circostante e le tante aziende agricole presenti;

– creare con gli altri siti biellesi di interesse turistico e con un richiamo oltre la nostra provincia, forme di “gemellaggi” affinché si possano creare pacchetti e percorsi turistici attrattivi, da promuovere in collaborazione con i Tour Operator e le agenzie viaggi locali;

– recuperare i sentieri pedonali e ciclabili lungo il Torrente Cervo e la Baraggia ed integrandoli all’offerta del Ricetto, in un’offerta turistica complessiva più ampia e differenziata.

– concertare con Trenitalia, anche in vista dell’elettrificazione della linea Biella-Santhià e dei treni diretti per Torino, l’organizzazione di fermate ad hoc alla stazione ferroviaria di Candelo nei giorni delle manifestazioni turistiche (ad es. Candelo in Fiore), con l’organizzazione tramite ATAP di una navetta che porti dalla Stazione al Centro, magari utilizzando i mezzi più piccoli ed elettrici. Il prezzo del biglietto + corriera potrebbe essere decurtato dal biglietto d’ingresso alla manifestazione. Così facendo, si potrebbero risolvere i problemi di parcheggio che affliggono il paese nei giorni delle manifestazioni.

CANDELO SEMPLICE PER I CITTADINI

Un Comune più vicino ai cittadini e meno complicato si può realizzare! Noi proponiamo di:

– snellire le procedure burocratiche e amministrative;

– favorire le iniziative e le attività commerciali, economiche ed imprenditoriali, con regolamenti più semplici e più chiari;

– favorire l’accesso alla “macchina amministrativa” mediante il sito web comunale per richiesta di certificati e avvio di pratiche (come certificati anagrafici, avvio di pratiche etc)

– estendere la rete WI-FI portandola nei punti più importanti del paese.

CANDELO SPORTIVA

Nel tempo si sono persi gruppi sportivi che, oltre ad accrescere l’immagine della città, aggregavano i giovani, i bambini e i ragazzi. Negli ultimi anni pima il calcio e poi la pallavolo hanno reso inutilizzabili gli impianti del Comune, sui quali sono state investite risorse importanti. E’ necessario favorire il ritorno di società sportive e di corsi per bambini e ragazzi, dal calcio alla pallavolo sino agli altri sport. Noi proponiamo di:

– valorizzare le associazioni esistenti sul territorio e, ove fattibile, favorendo l’inserimento di nuovi gruppi;

– favorire la nascita, in forma autogestita e spontanea, di gruppi di cammino;

– dare vita ad un confronto tra amministrazione comunale e le associazione sportive per verificare i bisogni delle associazioni sportive e delle necessità di impiantistica;

– sistemare la pista di atletica presente al campo sportivo, anche ricercando specifici fondi nazionali e/o regionali

– promuovere, attraverso la collaborazione con le associazioni sportive presenti sul territorio, forme d’avvicinamento allo sport per tutte le età, non solo a livello agonistico, in modo da proporre alternative valide.

– rendere disponibili per i cittadini spazi per attività individuali, come il jogging, con percorsi ben segnati e individuati che non mettano a repentaglio la sicurezza;

– creare momenti di aggregazione e manifestazioni di richiamo cittadino, regionale e nazionale;

– dare vita alla “Giornata dello Sport” quale momento di promozione di  realtà sportive locali e di aggregazione;

– sistemare gli spalti del campo da calcio di San Giacomo, ricercando fondi dedicati alla sua ristrutturazione e copertura, prevedendo anche l’installazione sulla stessa copertura di un impianto fotovoltaico, da realizzare in collaborazione con Società specializzate nella realizzazione e gestione di interventi di questa natura,  che possa generare energia elettrica per il funzionamento dell’impianto sportivo a costo zero.

4 Pensieri su &Idquo;Programma-Idee

  1. Un argomento a cui tengo molto: via Iside Viana. Ci vogliono più controlli della velocità, sarebbero poi necessari attraversamenti pedonali rialzati che facciano rallentare poiché con il numero di esercizi commerciali che ora ci sono sta diventando una via molto pericolosa.

    "Mi piace"

    • Grazie Michela per la tua segnalazione e per le tue proposte. Il tema viabilità è un argomento su cui volgiamo porre la giusta attenzione, a partire da una revisione generale della viabilità, per renderla più uniforme, sicura e comprensibile anche da parte di chi non vive a Candelo. Sul punto specifico di Via Iside Viana, come per Via Biella, Via Castellengo, Via Resistenza, sono sicuramente necessari accorgimenti per garantire maggiore sicurezza e più controlli ed alcune interventi, come da te proposti, da concordare anche con la Provincia di Biella, in quanto Via I. Viana è di proprietà provinciale. Crediamo anche che per compiere le giuste scelte, sia necessario coinvolgere i commercianti e residenti della zona in modo tale da condividere le azioni.
      Rimango a disposizione.
      Grazie
      Renzo Belossi

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...