Piazza aperta. Ma i tempi delle opere saranno rispettati???

qbr277002884-kj5b-u106033929009449cf-1024x576@lastampa.it_.jpg.jpegDa martedì  6 dicembre Piazza Castello è di nuovo libera dal cantiere per la realizzazione della fognatura. Ovviamente le opere su questa zona non sono terminate, ma solo rinviate, come da accordo tra Amministrazione Comunale e Commercianti, accordo trovato per non arrecare troppi disagi e agevolare il commercio, che prevede una ripresa degli stessi a gennaio 2017, quindi dopo il periodo natalizio. Questo lo riportiamo come informazione a tutti.
Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, abbiamo però espresso tutte le nostre perplessità sul fatto che aver chiuso temporaneamente i lotti operativi del cantiere CORDAR, insistenti sulla Piazza e Via Mazzini (pur trattandosi di una scelta di buon senso che va incontro al commercio in modo da non penalizzarlo troppo), possa portare ancor più ritardi a quelli già in essere, visto che questi sono i punti critici dell’opera nel suo complesso. Oggi le nostre preoccupazioni sull’andamento generale dei lavori aumentano, alla luce del fatto che c’è stata l’approvazione da parte della Giunta Comunale del Progetto Esecutivo dei lavori di riqualificazione di Piazza Castello e Via Mazzini (Delibera n.143 del 28-11-2016), inserito nel Piano di Qualificazione Urbana, e quindi a breve partiranno tutte le procedure amministrative che porteranno alla pubblicazione del bando di gara, aggiudicazione etc…e pertanto l’ora d’inizio dell’appalto si avvicina sempre più. 

Non vorremmo che i lavori di ripavimentazione e sistemazione della Piazza inizino in ritardo o siano rallentati dai lavori della fognatura con aggravio di disagi e costi per i candelesi; tenendo altresì conto che, al momento, come previsto dagli accordi con la Regione (Ente erogatore di parte dei fondi), dovranno essere conclusi il 31 luglio 2017! 

 

Nessuno mette in dubbio l’opera di riqualificazione urbanistica e commerciale della Piazza, su questo tranquilliziamo la Sindaca che dovrebbe ricordarsi che non abbiamo mai osteggiato l’intervento, anche difendendone la bontà complessiva dell’intervento con molti candelesi stupiti della spesa. 

La nostra posizione è  sempre stata chiara e tesa a far sì che queste opere venissero concertate con i candelesi e i commercianti e che avessero un’utilità complessiva per Candelo dal punto di vista urbanistico-commerciale-turistico,  e in questa direzione abbiamo lavorato come minoranza, per quanto ci è stato possibile fare. Oggi siamo preoccupati dei ritardi nella realizzazione della nuova fognatura, anche per scelte poche lungimiranti della Giunta e per i possibili ritardi che potranno ingenerare sui nuovi lavori in Piazza!

Renzo Belossi

Capogruppo Candelo Città Possibile

#lavoriincorso #Piazza La nostra interpellanza per fare chiarezza sui lavori della nuova fognatura

download (1)Come gruppo consiliare di minoranza a Candelo abbiamo presentato un’interpellanza riguardo i ritardi, la segnaletica poco chiara e le modifiche operative riguardo i lavori di realizzazione della nuova fognatura che toccano Piazza Castello e le Vie limitrofe.

 

Sappiamo che i lavori sono stati appaltati da CORDAR S.p.A.-Biella Servizi, gestore del servizio idrico integrato, e che il Comune non ha colpe dirette, ma è giusto porre attenzione su questi lavori che ci interessano come paese e che sembrano andare a rilento, per questo chiediamo, con l’interpellanza, di capire i motivi dei ritardi nell’inizio dei lavori e durante le lavorazioni (al netto del ritrovamento del muro storico che comunque non ha creato grandi rallentamenti); quali azioni l’Amministrazione Comunale ha intrapreso nei confronti di CORDAR, affinché l’esecuzione delle opere sia più veloce e in linea con il programma lavori e chiediamo spiegazioni sull’accordo tra Sindaco e commercianti che prevede di terminare, per ora, i lavori in Piazza in modo da rendere libera questa zona per il “Borgo di Babbo di Natale” e per agevolare, giustamente, il commercio, ma su cui abbiamo alcune perplessità che la realizzazione nel suo complesso delle opere possa ritardare ulteriormente e creare intoppi sull’avio dei prossimi lavori di ri-pavimentazione della Piazza.
 
Infine sollecitiamo la Giunta a rendere maggiormente comprensibile la segnaletica stradale provvisoria, in modo da dare una precisa indicazione ai candelesi e non su le strade da percorrere e sulla fruibilità, pur parziale, della Piazza.
Il gruppo consiliare Candelo Città Possibile
Renzo Belossi
Erika Vallera
Silvia Girardi

Al Sindaco del Comune di Candelo

Mariella BIOLLINO

Al Vice-Sindaco e Assessore al Commercio

Paolo GELONE

All’Assessore ai Lavori Pubblici e Viabilità

Giuseppe LACCHIA

 

Oggetto: interpellanza – Lavori di realizzazione sdoppiamento fognatura a carico di CORDAR S.p.A.-Biella Servizi – Ritardi, modifiche operative e segnaletica.

I sottoscritti consiglieri comunali del gruppo “Candelo Città Possibile”, Renzo Belossi,  Erika Vallera e Silvia Girardi

Premesso che

  • sono in corso di realizzazione i lavori di sdoppiamento e rifacimento della fognatura a cura di CORDAR S.p.A.-Biella Servizi (stazione appaltante delle opere) che interessano Piazza Castello e interesseranno Via Mazzini, Via Roma, Via Mulini, Area parcheggio “Santa Maria Maggiore” e area camper “Prato del Sasso” con una durata contrattuale di 120 g.n.c.;

 

  • i lavori hanno avuto inizio da Piazza Castello a decorrere dal 26 settembre 2016 con un ritardo, rispetto all’inizio riportato in cronoprogramma, di 14 g.n.c. ed il primo tratto ovvero il lotto operativo “A” è stato realizzato non in 14 gg come riportato da programma lavori bensì in 38 g.n.c., contando tra essi anche tra 5 e 7 giorni di maltempo;

 

  • le opere in questione, per volontà dell’amministrazione comunale, sono iniziate da Piazza Castello (punto critico dell’intervento) per due motivi:
  • liberare il prima possibile la Piazza e Via Mazzini al fine di non sovrapporre e creare interferenze con i prossimi lavori di rifacimento della pavimentazione, che potrebbero presumibilmente avere inizio nel tardo inverno  2017/inizio primavera 2017;
  • liberare il prima possibile la Piazza e Via Mazzini, al fine di non arrecare troppi disagi alla popolazione, alle attività commerciali e turistico-ricettive;

 

  • questi lavori stanno creano inevitabili ma sopportabili disagi, in quanto limitati nel tempo e per un’opera di pubblica utilità, anche se i ritardi appesantiscono la situazione;

Considerato che

  • in data 16/11/2016 si è svolta riunione tra i commercianti della Piazza Castello e l’Amministrazione Comunale, come sollecitata dagli esercenti stessi e preceduta da articolo apparso su “la Stampa” del 15/11/2016, e in questa sede sembra sia stata definita di comune accordo e sentito il CORDAR- come letto dai giornali online e comunicato dallo stesso Sindaco ai capigruppo-che i lavori su Piazza Castello si arresteranno nel periodo natalizio e in concomitanza con i mercatini di Natale, previa sistemazione e fine delle opere già in essere alla data odierna, e si sposteranno sui lotti operativi che interessano l’area camper “Prato del Sasso”;

 

  • prima della soluzione sopra riportata l’idea, condivisa dall’Amministrazione Comunale ed esercenti, era quella di liberare il prima possibile la Piazza Castello e Via Mazzini, tant’è che si prospettava che alla data del 27/11/2016 le opere insistenti sulla Piazza sarebbero terminate, proseguendo così su Via Mazzini. In tal modo i lavori sarebbero proseguiti in modo regolare andando a liberare uno dei punti più critici e consentendo, nel contempo, la circolazione su Via Moglia e il passaggio pedonale anche in vista del “Borgo di Babbo Natale”;

 

  • che questa nuova soluzione certamente agevola il commercio, l’afflusso di visitatori dei mercatini di natale “Borgo di Babbo Natale” e l’indotto turistico, ma la nostra preoccupazione è che sposti il problema del punto critico dei lavori Piazza Castello-Via Mazzini più in là nel tempo e ancor più a ridosso dei prossimi lavori di ri-pavimentazione della Piazza previsti dal Piano di Qualificazione Urbana;

 

  • in generale, come affermato dal Sindaco, dall’Assessore e appurato dai dati, i lavori risultano in ritardo sulla “tabella di marcia” e a onore del vero per fatti non imputabili al Comune;

 

  • Infine che l’esecuzione dei lavori ha comportato, necessariamente e giustamente, una modifica alla viabilità ordinaria, ma sia cittadini candelesi che non e i commercianti hanno lamentato a più riprese una non sempre ben precisa e ben chiara segnaletica.

 

Tutto ciò premesso e considerato

INTERPELLANO IL SINDACO E L’ASSESSORE COMPETENTE

per sapere

 

  1. al fine di dissipare eventuali dubbi, se la soluzione concordata con i commercianti, che riteniamo di buon senso per il periodo, non possa in qualche modo comunque andare a impattare negativamente sull’andamento dei lavori e sui ritardi già in essere, creando ancor più rallentamenti ai lavori e andando a interferire/sovrapporsi con l’inizio dei lavori di rifacimento della pavimentazione in Piazza previsti nell’ambito dei lavori del P.Q.U. e con fine tassativa al 31 luglio 2017;

 

  1. se l’inizio dei lavori nella zona area camper “Prato del Sasso” possa anche interferire con il parcheggio di “Santa Maria Maggiore” andando a togliere posti auto e posti pullman nel periodo in cui si terrà il “Borgo di Babbo Natale” (27/11-4/12-8/12 e 11/12);

 

  1. quali sono i motivi per cui i lavori sono iniziati in ritardo e perché i tempi di esecuzione del lotto operativo “A” non sono stati rispettati;

 

  1. quali azioni, nelle competenze dell’Amministrazione Comunale, sono state già intraprese nei confronti di CORDAR S.p.A.-Biella Servizi, Stazione Appaltante delle opere, visti i rallentamenti e i ritardi in essere alla data odierna;

 

  1. quali azioni concrete sono state intraprese o saranno intraprese, per dare maggiore chiarezza e precisione alla segnaletica provvisoria.

Candelo,  18 novembre 2016

I consiglieri comunali

Renzo Belossi                                                     Erika Vallera                                           Silvia Girardi

 

Passeggiata degli Alpini, passeggiata dimenticata. Quando sarà sistemata???

Era il 26 novembre, giorno in cui si tenne il Consiglio Comunale in cui si discusse l’interpellanza dei nostri consiglieri di Candelo Città Possibile (Belossi, Vallera e Vitale) riguardo i danni causati dai vandali alla Passeggiata degli Alpini nell’agosto 2014 e non ancora riparati dall’Amministrazione Comunale.

Dopo pochi giorni che Candelo Città Possibile sollevò il problema le lampadine, che vennero distrutte, furono cambiate e durante il consiglio comunale di allora l’Assessore ai Lavori Pubblici, Lacchia, rassicurò che nel breve periodo le staccionate danneggiate sarebbero state riparate. Bene ora siamo a più di un mese da quel consiglio e le staccionate sono ancora divelte , perché??? La Giunta Comunale quando provvederà? E poi, lasciare i parapetti in quel modo è pericoloso per chi frequenta la passeggiata, visto che delimitano il bordo del canale “Roggia Marchesa”, si vuole per caso che qualcuno si faccia male e chieda i danni al Comune?

Infine perché lasciare così una zona che insieme al Ricetto, che sta appena sopra, deve essere il nostro biglietto da visita per i turisti.

Qui sotto le foto scattate il 6 gennaio 2015 che testimoniamo come la Giunta non abbia ancora provveduto alla sistemazione

2015-01-06 17.00.14 2015-01-06 17.00.07 2015-01-06 16.59.57 2015-01-06 16.59.28 2015-01-06 16.59.22 2015-01-06 16.59.19