#InformaCandelo Ultimo Consiglio Comunale del 2019, tra idee (forse elettorali) e proposte per il futuro

consigliocomunaleNel Consiglio Comunale di lunedì 17 durate la discussione del bilancio 2019 abbiamo preso atto positivamente che anche quest’anno le tariffe, le imposte e i tributi rimangono invariati e questo crediamo sia un bene, affinché almeno il Comune non aumenta il prelievo nelle tasche dei candelesi, già abbastanza vessati da altre imposte, e del lavoro svolto sul recupero degli insoluti delle tasse e imposte comunali, su cui crediamo che non si debba mai abbassare la guardia, come sempre da noi sostenuto, per ragioni di equità e giustizia verso chi paga fino all’ultimo centesimo.
Abbiamo messo in luce come ancora ad oggi non sia stato individuato un gestore per l’area camper (mesi fa il Sindaco ha parlato di un nuovo bando)-area che deve assolutamente avere un soggetto se ne occupi e su cui occorre avere un piccolo ritorno economico-uguale osservazione l’abbiamo posta per gli impianti sportivi, per cui ancora dopo anni di discussioni non è stato pubblicato un bando di gara per la gestione, per di più oggi necessario vista l’ultimazione del nuovo campo sportivo realizzato a San Giacomo dopo anni e anni di attesa e su il cui futuro utilizzo e gestione rimane la nebbia.

Altro tema centrale del bilancio per il 2019 è stata la previsione di 500.000 euro per uno studio di fattibilità per la costruzione di una strada alternativa che nelle intenzioni del Sindaco dovrebbe essere prevista risistemando la strada che da Via del Cervo conduce a Santa Croce. Sicuramente l’idea è da verificare-e vogliamo pensare non si tratti di una proposta elettorale visto che questo è l’ultimo bilancio prima delle elezioni del 2019-e non diciamo un no a priori, ma riteniamo che si debbano anche valutare altre ipotesi tra cui quella di poter rivalutare la possibilità di realizzare una tangenziale esterna all’abitato, di cui da tanto (troppo) tempo la politica candelese discute senza grande successo. Non diciamo di perdere altro tempo, ma difronte ad un’opera che potrebbe avere un’utilità non solo per Candelo ma anche per tutta l’area sud del biellese, sarebbe bene compiere un ragionamento con piglio pratico. E quindi partendo dai progetti esistenti o almeno utilizzando le parti utili di questi in termini tecnici ed economici, si dovrebbe valutare la realizzabilità, il costo presunto e l’impatto e a fronte di questa valutazione, se perseguibile, attivarci come Comune per sensibilizzare gli Enti preposti a tutti i livelli e richiedere i fondi necessari in quanto come ben sappiamo Candelo non può e potrebbe permettersi. Insomma un’idea da non abbandonare del tutto.

Infine sulla delibera di approvazione della fattibilità della proposta presentata dal promotore privato riguardo il project financing relativo alla valorizzazione e ampliamento della RSA (casa di riposo) “la Baraggia”, abbiamo espresso in coerenza con il percorso compiuto da tutto il Consiglio Comunale quest’anno , il nostro voto favorevole perché riteniamo che questo progetto possa essere utile per Candelo, per i candelesi e per il futuro di questa struttura, inoltre durante la discussione abbiamo sollevato alcune osservazioni di natura tecnica sulla delibera e grazie al nostro intervento, la maggioranza le accolte e ha modificato la parte di delibera da noi rilevata poco chiara.

Candelo Città Possibile
I consiglieri comunali
Renzo Belossi
Erika Vallera
Silvia Girardi

#Candeloinformata Ultimo Consiglio Comunale. Rendiconto 2017: ok i conti con alcune osservazioni su area camper, turismo, tassa rifiuti

arconet-sul-nuovo-prospetto-equilibri-dal-rendiconto-2016-300x136Nel consiglio comunale di lunedì 16 aprile, si è discusso del bilancio del rendiconto relativo all’anno 2017.

Come gruppo “Candelo Città Possibile” abbiamo rimarcato che da un punto di vista solamente economico-finanziario, il bilancio del Comune sicuramente è sano e presenta un avanzo cospicuo, ma questi fattori hanno un’incidenza sull’erogazione complessiva dei servizi per i candelesi: si pensi al fatto che la spesa del personale è in diminuzione negli ultimi 3/4 anni, ma questo significa non poter assumere nuove persone e non poter nemmeno rimpiazzare chi è andato in pensione, a fronte anche del fatto che Candelo dovrebbe avere 40 persone e ha un organico di 28 persone; altra questione è l’indebitamento, in continua discesa negli ultimi 8 ani e ciò è indice positivo, ma corrisponde, purtroppo, a una riduzione di debito fatto per investimenti utili, perché indebitarsi significa anche realizzare opere, strutture durature nel tempo e per la collettività.

Dal punto di vista della gestione politica e amministrativa, abbiamo rimarcato, riguardo i dati di accesso al Ricetto, che quando si parla di 320.000 accessi questi non equivalgono a 320.000 persone, ma questo dato va ridotto almeno del 75/80 %, questo al fine di comunicare dati più realistici e che comunque fanno ben sperare al nostro territorio e che rappresentano fonte di sviluppo locale, una strada questa che non si può abbandonare. Sempre sul tema turistico abbiamo chiesto aggiornamenti in merito alla gestione dell’area camper, visto che da più di un anno e mezzo-da quando chi si aggiudicò il bando ha deciso di rinunciare alla gestione-questa zona che deve essere uno dei punti di forza, non è gestita da nessuno e alcuni camperisti interessati a fermarsi a Candelo, molte volte hanno optato per altri luoghi, in quanto non potevano accedere a nessun servizio (energia, scarichi, acqua). Occorre quanto prima affidare la gestione dell’area, al fine di dare un servizio pieno ai turisti e far sì che quel investimento possa rendere per Candelo.

Infine, appreso dal Sindaco che parte dell’avanzo di amministrazione sarà utilizzato per un sistema di videosorveglianza e ne siamo soddisfatti, anche perché è tempo che ci battiamo per questo parte del nostro programma, abbiamo sottolineato come la nostra proposta di mettere le telecamere per colpire gli abbandoni di rifiuti, è da intendersi quale metodo per poter riuscire a scoprire chi sono le persone e multarle con sanzioni salate, non di certo mettere una telecamere ogni dove, questo sarebbe impossibile. Sempre sull’argomento rifiuti e costo della TARI, sempre più all’ordine del giorno, nonché sull’idea di introdurre la TARIP a Candelo come ha spiegato il Sindaco, abbiamo proposto, affinché questa discussione non rimanga solo sui giornali e sui social, all’amministrazione di organizzare un incontro aperto o consiglio comunale aperto alla cittadinanza, a cui far partecipare SEAB e COSRAB, in cui parlare degli abbandoni; di come si compongono i costi della tassa rifiuti; del servizio in genere; di eventuali proposte per poter abbattere il consumo di rifiuti e i costi.
Sarebbe un modo per renderci tutti (amministratori e candelesi) più consapevoli su come funziona questo servizio e poter a noi amministratori un quadro ancora più completo, per poter fare le migliore scelte anche in vista della scadenza dell’affidamento a SEAB.

I consiglieri comunali di “Candelo Città Possibile

Renzo Belossi

Silvia Girardi

Erika Vallera

#Candeloinformata Bilancio 2018, le nostre proposte su controllo del territorio e attrazione di nuovi residenti

fb_img_1464196852820.jpg Nell’ultimo Consiglio Comunale del 15 febbraio, in cui è stato discusso e approvato il bilancio di previsione per l’anno 2018, abbiamo messo in evidenza alcune questioni che ci hanno comunque portato ad astenerci.

arconet-sul-nuovo-prospetto-equilibri-dal-rendiconto-2016-300x136

Su due temi importanti abbiamo portato la discussione, il primo riguarda il controllo del territorio chiedendo alla Giunta di attivarsi per realizzare con un sistema di videosorveglianza viste le  problematiche, di sicurezza e riguardo l’abbandono indiscriminato di rifiuti sul nostro territorio ed in quelli limitrofi, ricordando come il Consiglio Comunale nel 2015 abbia già preso impegni specifici con la mozione , all’unanimità, con  la mozione “Candelo sicura, pulita e rispettosa del bene comune” approvata da Consiglio Comunale il 12 giugno 2015 e che prese spunto dalla nostra mozione “#CandeloinComune, Candelosicura”,  la quale prevede una serie di impegni precisi e di azioni concrete, in parte già intrapresi come la “Giornata dei Beni Comuni”, ormai diventato appuntamento di impegno civico da parte degli amministratori, delle associazioni e dei singoli candelesi, ed in parte attivabili, come ad esempio l’installazione di sistemi di videosorveglianza del territorio, che oltre a servire per il controllo degli abbandoni di rifiuti, potrebbero servire anche per il controllo ai fini di sicurezza. 

Il secondo per chiedere alla Giunta interventi precisi che possano portare nuove persone a Candelo a cominciare dai giovani, visto che il paese, pur in maniera ridotta, perde abitanti e occorre guardare e pensare al futuro con azioni concrete, mettendoci la stessa grinta e tempo che fino ad oggi il Sindaco e la sua giunta hanno riposto nello sviluppo del Ricetto e delle manifestazioni , affinché si possa dare una visione del paese complessiva che pensa al domani in tre direzioni: sviluppo locale e turistico; attrazione di nuovi residenti a cominciare dai più giovani, magari portando nuove attività economiche o con contributi/sgravi sulle tasse per i nuovi residenti; sviluppo sociale rivolto ad anziani e persone più deboli con il progetto di partenariato pubblico-privato per l’RSA-Casa di Riposo “La Baraggia”

Abbiamo colto in modo positivo il non aumento delle imposte, tasse, tariffe e delle relative agevolazioni mantenendole ai livelli dell’anno passato e il fatto che, dopo anni di discussioni, il bilancio contempli una entrata generata dal turismo ed eventi ovvero una quota dei biglietti delle manifestazioni va al Comune, idea su cui sin dal 2014 ci battiamo; su quest’ultimo punto riteniamo sia corretto che quanto incassato venga destinato, non tanto a coprire esigenze generali di cassa, bensì esigenze specifiche nel campo della manutenzione e dell’abbellimento del paese e proprio sulla manutenzione degli immobili comunali abbiamo portato l’attenzione, riguardo alcuni lavori di bitumatura delle strade realizzati non pienamente a regola, tanto da aver costretto a ripristini in più zone, e visto che alcune strutture ad uso sociale, come da tempo ricordiamo, necessitano di interventi quali il centro polifunzionale “le Rosminiane” e gli spalti e i servizi/spogliatoi del campo da calcio di San Giacomo.

Infine abbiamo espresso la nostra preoccupazione generale sul tema rifiuti, non sul costo del piano finanziario di Candelo che non aumenta la Ta.Ri, bensì sui possibili effetti della prossima sentenza del TAR Piemonte riguardo il ricorso all’ampliamento concesso da COSRAB ad ASRAB, presentato da alcuni Comuni biellesi e vercellesi, che in caso di accoglimento potrebbe portare ad aumento della tassa non solo a Candelo ma nel biellese.

I consiglieri comunali

Renzo Belossi

Silvia Girardi

Erika Vallera

#commercio La nostra mozione per favorire tutto il commercio candelese

Logo-Commercianti-per-un-giorno-730784-600x300Di seguito la nostra proposta di mozione riguardo la possibilità di poter costituire un fondo di intervento economico da destinare a tutti i commercianti che possa essere utilizzato per finanziarie un apposito bando che incentivi azioni innovative e sviluppo del commerciale, presentata dagli stessi esercenti oppure una riduzione delle imposte/tasse comunali a carico dei commercianti.
 
L’idea di questa proposta nasce da due considerazioni: la prima che il commercio locale possa ancora essere, nella realtà medio-piccole, un importante presidio di comunità e di mantenimento dell’economica locale e deve essere invogliato e supportato a compiere cambiamenti e innovazioni, in cui gli stessi esercenti ne devono essere partire attiva e propositiva; la seconda legata ai lavori di riqualificazione di Piazza Castello, che sono stati avviati in questi giorni, che nel medio periodo saranno anche in grado di riqualificare dal punto di vista urbanistico, commerciale e turistico una parte importante del paese ma inevitabilmente porteranno disagio alla viabilità complessiva e possibili ripercussioni sul commercio, e non solo a quello legato alla Piazza e al centro e quindi potrebbe essere necessario un aiuto.   
 
La nostra mozione è una proposta “aperta” al Sindaco e ai gruppi di maggioranza e minoranza, affinché si possa individuare in uno spirito di collaborazione la soluzione e l’intervento migliore a chi sostiene lo sviluppo locale. 
 
Siamo ben consci delle difficoltà economiche generali, ma pensiamo che l’amministrazione comunale, istituzione più vicina ai cittadini, possa e debba, nel proprio piccolo, ancora essere di aiuto.
Oggetto: mozione – Interventi favore del commercio candelese.
I sottoscritti consiglieri comunali del gruppo “Candelo Città Possibile”, Renzo Belossi, Erika Vallera e Silvia Girardi
Premesso che
– questa Amministrazione, come si evince dai documenti di programmazione, ha tra le proprie azioni fondamentali il sostegno al commercio candelese;
– gli esercizi commerciali candelesi, come molti altri, vivono un periodo di crisi economica; – nonostante la predetta situazione di sofferenza economica, nel nostro territorio sono sorte nuove attività. Dunque, vi sono persone e/o famiglie che vogliono mettersi in gioco, aprendo e gestendo nuovi esercizi commerciali. Circostanza particolarmente positiva per Candelo e che fa ben sperare per il prossimo futuro.
Considerato che
Il commercio locale è un’attività economica che rende vivo il paese -pur nei cambiamenti delle abitudini quotidiane, soprattutto con l’avvento dapprima dei centri commerciali e oggi del commercio online e-commerce, che hanno determinato uno spostamento degli acquisti- e per quanto sia possibile va incoraggiato e sostenuto e, se necessario, anche stimolato a compiere cambiamenti e a rinnovarsi.
Nell’ambito delle azioni a supporto delle attività economiche candelesi sarebbe auspicabile ricercare strumenti volti a fornire sostegno economico per ristorare dei disagi subiti nel pregesso periodo e per dare impulso affinché tutti i commercianti siano più ancora più attivi;
Consapevoli che il mero supporto dell’amministrazione comunale non è sufficiente poiché occorre altresì un forte dinamismo dei negozianti e la loro volontà nel ricercare e proporre interventi concreti, quando possibile, di comune intesa con il Comune e le Associazioni del territorio;
Rilevato che
sono di imminente avvio i lavori di riqualificazione di Piazza Castello e delle vie limitrofe inseriti nell’ambito del Piano di Qualificazione Urbana e del Commercio. Tali opere ridefiniranno l’assetto urbanistico dell’area interessata con l’auspicio di dare maggiore impulso al commercio locale. Tuttavia, non si può non evidenziare che, nella fase di esecuzione dei lavori, vi saranno inevitabili cambiamenti alla circolazione stradale con ripercussioni su tutta la viabilità di Candelo e con disagi ai candelesi, agli esercizi commerciali, artigianali e all’organizzazione degli eventi calendarizzati per il periodo. Tutto ciò rende, a parere di questo gruppo consiliare, ancor più urgente la ricerca di soluzioni condivise per sostenere le attività commerciali candelesi.
In ragione di quanto sopra,
IL CONSIGLIO COMUNALE IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA
A valutare la creazione, in sede di approvazione della prima variazione al bilancio preventivo per l’anno 2017, di un apposito fondo di sostegno alle attività economiche commerciali e artigianali candelesi da utilizzarsi per finanziare un bando specifico di incentivi al commercio al fine di premiare, soprattutto, proposte di innovazione presentate dal commerciante singolo o in associazione fra commercianti o in rete tra di loro.
Candelo, 14 ottobre 2017
I consiglieri comunali
Renzo Belossi Erika Vallera Silvia Girardi

#ConsiglioComunale Il nostro ok alla variazione di bilancio (per più investimenti), ecco perché

fb_img_1464196852820.jpgNell’ultimo consiglio comunale abbiamo dato il nostro voto a favore della variazione di bilancio presentata dalla Giunta Biollino e alcuni si chiederanno “ma come la minoranza vota a favore?” e noi spieghiamo il perché. Il nostro voto è stato favorevole in quanto questa variazione e le delibere ad esse collegate (revisione piano triennale opere pubbliche e maggiore utilizzo avanzo di amministrazione), aumenta, da un lato, il finanziamento con fondi propri dell’Ente per alcune opere già previste e in contemporanea prevede alcuni nuovi interventi (ulteriori asfaltature e manutenzioni varie al patrimonio) quindi più investimenti e ciò grazie ai maggiori spazi finanziari concessi dalla Regione Piemonte che danno la possibilità di utilizzare gran parte dell’avanzo di amministrazione (più di 400.000 Euro). Pensiamo che quando si attuano investimenti, nell’interesse comune e per risolvere alcune necessità sentite dalla cittadinanza, sia dovere di un buon amministratore ragionare, prima di tutto, con buon senso civico e risvolto pratico.

Nel corso del consiglio, visto che è stato variato il programma triennale delle opere pubbliche, abbiamo posto alcune questioni e posto l’attenzione riguardo la manutenzione straordinaria degli spalti del campo di calcio in frazione San Giacomo (visto che verrà fatto un intervento per il cambio della caldaia negli spogliatoi dell’impianto), i quali necessitano di interventi urgenti di ammodernamento e di messa in sicurezza. Sempre riguardo l’ambito delle strutture sportive abbiamo chiesto aggiornamenti circa l’avanzamento dei lavori di realizzazione del progetto “Cittadella dello Sport”, sul punto il vice-sindaco e assessore ai lavori pubblici, Lacchia ha affermato che i lavori sono ritardo sul cronoprogramma. La speranza è di vedere terminato l’intervento a fine 2017! Ma d’altra parte, in modo sarcastico, questo non ci spaventa, visto che il mutuo dell’opera è del 2005 e sono solo 12 anni che si attende di vedere l’opera. Inoltre riguardo le manutenzioni delle aree pubbliche abbiamo sollecitato gli interventi su alcuni canali e fossi , al fine di  di garantire la sicurezza del deflusso delle acque e la pulizia e il decoro.

Infine il Sindaco e la Giunta hanno espresso il proprio impegno a intervenire sull’area povera usata per il basket da giovani e del paese e non solo, come abbiamo proposto la scorsa settimana.

Candelo, 28 giugno 2017

I consiglieri comunali del gruppo “Candelo Città Possibile”

Renzo Belossi

Slvia Girardi

Erika Vallera

#InformaCandelo Dall’ultimo Consiglio Comunale, alcune questioni che attendono risposte

fb_img_1464196852820.jpgL’ultimo Consiglio Comunale è stata anche l’occasione per fare il punto su alcuni argomenti: il bando dell’illuminazione pubblica andato recentemente deserto e proprio per questo abbiamo chiesto alla Giunta, di verificare la fattibilità di avviare un percorso di gestione di questo servizio tramite la Società pubblica ENERBIT S.r.l., che ha già in gestione parecchi Comuni nonché le reti della Provincia di Biella e sta conseguendo buoni risultati, sotto il profilo economico e di efficienza energetica e di innovazione; i lavori di riqualificazione di Piazza Castello, su cui si attende la proroga da parte della Regione per posticipare l’inizio lavori; la gestione dell’area camper del “prato del Sasso” che attualmente è senza un gestore, visto che l’aggiudicatario del bando di concessione si è ritirato, e quindi quest’area attrezzata è al momento in balia di se stessa, perché nessuno, compreso il Comune, la sta gestendo e quindi molti camperisti non sanno a chi rivolgersi per usare i servizi offerti e quindi occorre trovare una soluzione al più presto, degna di un paese turistico come il nostro che deve saper accogliere al meglio chi lo visita.

Inoltre viste le recenti problematiche sorte in Via Mulini, strada vicinale ad uso pubblico, per cui i residenti della zona si sono trovati ad utilizzare la parte di questa strada sterrata, come alternativa alla parte di strada asfaltata che conduce in centro paese, in qaunto sono in corso i lavori di costruzione della nuova fognatura, abbiamo chiesto all’Assessore Lacchia e al Sindaco di trovare una soluzione alle strade vicinali ad uso pubblico, con l’idea di normarne l’utilizzo e la relativa manutenzione (che in parte spetta al Comune e in parte ai privati che da questo tipo di strada accedono ai propri terreni) con un apposito regolamento, come hanno già fatto da alcuni Comuni italiani.

Per il gruppo consiliare “Candelo Città Possibile”

Renzo Belossi, capogruppo consiliare

#ConsiglioComunale #InformaCandelo Rendiconto 2016, il nostro intervento

arconet-sul-nuovo-prospetto-equilibri-dal-rendiconto-2016-300x136

L’ultimo Consiglio Comunale del 18 aprile scorso, in cui si è discusso del rendiconto dell’anno 2016, è stata l’occasione per noi di fare alcune considerazioni non solo sulla gestione economica del 2016, ma anche sulla gestione complessiva dell’amministrazione comunale candelese.

Abbiamo riconosciuto uno sforzo nel tenere in ordine il bilancio 2016-sforzo amplificato dalle norme sempre più intricate e dalla mancanza di risorse-e preso atto di un risultato di amministrazione positivo di tutto rispetto (più di 400.000 Euro) che purtroppo è sintomo di pochi investimenti, anche per via della normativa, e che, purtroppo, il Comune di Candelo non potrà spendere interamente per il Paese. Inoltre è stata riscontrata l’attenzione ad alcuni servizi sociali, tra cui la riduzione della tariffa mensa, tema a noi molto caro e su cui da tempo chiedevamo una riduzione, intervento questo che bilancia, in qualche modo, le scelte passate non proprio favorevoli sul sociale (vedi la chiusura dell’asilo nido comunale, per noi e per molti candelesi una ferita ancora aperta). Inoltre abbiamo potuto apprezzare, dopo grandi discussioni in Consiglio, un impegno verso il recupero degli insoluti derivanti da tasse e tariffe comunali: azione che è stata portata avanti nell’ultimo anno e mezzo con forza e su cui continueremo a monitorare il lavoro di recupero, come fatto finora, che serve anche a far sì che la Giunta non abbassi la guardia sul tema.

Infine rileviamo che il 2016 è stato l’anno in cui, finalmente, dopo tante discussioni e confronti, si può affermare che anche il Comune vede nelle proprie casse degli introiti direttamente dal turismo e dal Ricetto, frutto di una quota della vendita dei biglietti d’ingresso alle manifestazioni, azione che giunge dopo anni di sole spese e anche, e bene dirlo, di investimenti comunque utili. Questo è comunque un buon segnale ed è un’idea condivisa da questo gruppo e sempre portata all’attenzione del Consiglio e del Sindaco che oggi vediamo concretizzarsi. 

Pensiamo che questa strada vada proseguita per garantire “un’utile” collettivo per Candelo, che quindi serva al paese nel suo complesso e nel contempo-visto anche che ci stiamo confrontando sul futuro di Candelo e abbiamo anche approvato la variazione al bilancio 2017 perché prevede 4.000 Euro per lo studio di un progetto di sviluppo locale, mantenendo l’impegno assunto nel Consiglio precedente, e pretendiamo di condividere le azioni-spendere al meglio queste risorse per lo sviluppo di Candelo, per incentivare investimenti, per dare al paese maggiore appeal: insomma occorre una programmazione di lungo periodo, un modello gestionale serio e professionale dello sviluppo economico-turismo a Candelo, con obiettivi, magari pochi, ma chiari e concreti su cui puntare.

I consiglieri comunali

Renzo Belossi

Silvia Girardi

Erika Vallera