Qualche perplessità su commercio e gestione impianti sportivi

memorial_220697

Interveniamo su due questioni recenti portate avanti dalla Giunta comunale. La prima riguarda il contributo ai commercianti candelesi concesso a seguito dei disagi patiti dai cantieri, per cui dopo la pubblicazione del bando pubblico solo 3 operatori su una platea ampia di commercianti avranno il contributo, ciò ovviamente non era obbligatorio da parte degli esercenti parteciparvi, però mette in luce come sarebbe stato meglio, come sempre abbiamo sostenuto, concedere una riduzione una tantum sulle imposte/tasse comunali ai commercianti che hanno subito disagi. Così facendo non si sarebbero avute così poche domande e quindi l’operazione non sarebbe stato un flop; senza contare che ora il finanziamento destinato a questo contributo previsto in Euro 15.000, visto che è stato utilizzano in minima parte (2.000 Euro totali di contributi  saranno erogati) ha un residuo importante di Euro 13.000 il quale ci auguriamo venga utilizzato nel miglior modo possibile anche per azioni innovative a sostegno del commercio.

La seconda questione, su cui abbiamo sempre posto l’attenzione, è la gestione degli impianti sportivi. Finalmente l’Amministrazione, dopo che ad ogni Consiglio Comunale abbiamo sempre chiesto notizie e che si attivasse, si è decisa a pubblicare gli avvisi di manifestazione d’interesse per la gestione del palazzetto dello sport e del campo sportivo di San Giacomo; proprio su quest’ultimo leggendo il testo dell’avviso e visto che ricomprende anche la gestione del nuovo campo sportivo non regolamentare-da poco ultimato e realizzato con solo 14 anni di ritardo mentre sin dal 2005 si è sempre pagato il mutuo di finanziamento per quest’opera-non ci è chiaro se questo nuovo terreno di gioco, per cui sempre questa Amministrazione ha dichiarato che dev’essere un “campo povero” a disposizione di tutti, rimarrà effettivamente un’area di gioco aperta veramente a tutti o se invece non sarà così, perché l’avviso parla di gratuità dell’utilizzo per eventuali manifestazioni/cerimonie comunali; per le associazione sportive del paese; per le scuole ma nulla viene specificato riguardo questa parte del nuovo campo.
Per Candelo Città Possibile
Renzo Belossi
Capogruppo

#Candeloinformata Ultimo Consiglio Comunale, un punto sulla situazione su programmi per ora solo annunciati e non solo…

consigliocomunaleLunedì 23 luglio nel Consiglio Comunale, come gruppo di minoranza, durante la discussione sul Documento Unico di Programmazione, abbiamo posto, proprio perché si parlava di programmazione pluriennale, una serie di questioni che da un po’ di tempo sono senza notizie. Nell’ordine abbiamo richiesto quale sarà il futuro dell’area sportiva di San Giacomo, visto che dopo soli 13 anni  è stato portato a termine il nuovo campo sportivo (ricordiamo che dal 2005 il Comune paga il mutuo per la realizzazione di questa opera), perché ci preoccupano i costi di gestione (da tempo chiediamo chiarezza) della nuova struttura e come sarà affidata la gestione, affinché questo complesso sportivo possa essere utilizzato da tutti e al contempo ospitare le partite delle squadre sportive, senza dimenticare i necessari e urgenti interventi che necessitano gli spalti e gli spogliatoi. Sempre in tema di gestione, è stato richiesto al Sindaco che fine abbia fatto il bando per la gestione dell’area camper, dopo aver visto la rinuncia dell’affidatario della prima gara, in quanto come Comune a vocazione turistica, non possiamo permetterci di non avere una gestione degna di quell’area che possa offrire i giusti servizi ai camperisti e magari generare un piccolo introito per il Comune, da utilizzare per il mantenimento dell’area stessa.

Altra questione posta è il bando per i contributi al commercio ( su progetti innovativi), a seguito di una mozione anche condivisa da questo gruppo, visto che se ne è parlato per mesi ma ancora oggi non c’è stata alcuna novità e si attendono novità.
 
In tema di opere pubbliche abbiamo ancora una volta segnalato la necessità di interventi di manutenzione in generale ed in particolare di alcuni canali che risultano invasi da folta vegetazione e arbusti che, viste anche le recenti forti precipitazioni, potrebbero causare pericoli a causa di un deflusso non regolare delle acque. Sempre sull’argomento, abbiamo sottolineato che a fronte della prossima conclusione del cantiere in Piazza Castello che culminerà con il rifacimento della pavimentazione di Via Marco Pozzo, deve essere valutata la possibilità di intervenire su tutta la via che è in pessime condizioni, in quanto riteniamo poco sensato amministrativamente, risistemare solo il primo tratto della strada e lasciare, così com’è, l’altra parte. Pur sapendo che la chiusura di questa parte di via creerà disagi, pensiamo che si possa sopportare la chiusura per un periodo un poco più lungo proprio per completare i lavori nella sua interezza, anche perché non può far paura la chiusura di qualche settimana in più visto che abbiamo sopportato un anno di cantiere in Piazza, con tutti i disagi connessi.
 
Riguardo il recupero degli insoluti, abbiamo apprezzato la relazione di aggiornamento dell’assessore alle finanze e ribadito che anche grazie alle nostre continue richieste incalzanti, l’amministrazione si sia attivata senza nascondere il problema, come fatto nei passati anni.
 
Infine sul rinnovo della convenzione per l’asilo nido con Gaglianico, rinnovata per un solo anno, non potevamo non esporre le nostre grandi preoccupazioni sul continuo calo di iscritti, il quale con l’aumento dei costi porterà sicuramente all’aumento delle tariffe per le famiglie, facendo sì che l’unica cosa buona della scelta sbagliata di chiudere l’asilo nido di Candelo, verrà meno e quindi non esisterà nemmeno un vantaggio economico. Sul tema non abbiamo sentito soluzioni immediate e pertanto è stato richiesto all’amministrazione, almeno di promuovere l’asilo nido per riuscire ad attrarre nuove famiglie e bambini.
 
I Consiglieri di “Candelo Città Possibile”
Renzo Belossi
Silvia Girardi
Erika Vallera  

#Candeloinformata Consiglio comunale del 12 marzo: urbanistica, Ricetto, commercio e innovazione

fb_img_1464196852820.jpgIl consiglio comunale di lunedì 12 marzo è stato un momento di confronto positivo, su argomenti importanti per Candelo. E’ stato affrontato il tema urbanistico, con la proposta di alcune varianti non strutturali al Piano Regolatore: tra cui  un piano di recupero nel Nucleo di Antica Formazione, proposta non scontata e positiva per il recupero del centro storico e la possibilità in un futuro, di realizzare un parcheggio nell’area accanto alla passeggiata degli alpini al fondo di Via del Cervo, utile nei momento di grande afflusso di visitatori, visto che sempre più spesso, il problema dei parcheggi diventa grande soprattutto in occasione delle manifestazioni.

visione dall'alto RICETTO 991Altri due temi hanno tenuto banco e impegnato, in un confronto ricco di spunti e costruttivo, tutti i gruppi consiliari. Il Primo il Ricetto e la delibera strategica d’indirizzo che prevede azioni da noi condivise (censimento cellule, destinazioni d’uso concesse, eventi/iniziative ammesse, database delle attività) a ciò abbiamo aggiunto che occorre anche parlare di conservazione edilizia del bene, perché sono necessari interventi sulle parti pubbliche e quindi è necessario reperire risorse dedicate, e bisogna pensare anche alla gestione complessiva di questo grande patrimonio storico-culturale che è per Candelo e per il Biellese e oltre e con ciò intendiamo dire, come ormai da tempo affermiamo, che se vogliamo continuare a mantenere, e anzi innalzare i livelli di offerta di eventi e turismo, servono professionisti da affiancare alla Proloco, in quanto i soli volontari, che tanto fanno e hanno fatto, non possono giustamente reggere sulle spalle da soli un impegno così grande e che speriamo continui, sempre più, a svilupparsi.

1-LQHJ9eBbUJvtbVVTxCjMrgL’altro tema affrontato è stato il commercio, con la delibera di indirizzo con azioni e strumenti da offrire ai commercianti locali. Di questa proposta siamo particolarmente soddisfatti, in quanto già a fine 2017 proponemmo una mozione di impegno affinché l’amministrazione pubblicasse un bando per concedere contributi al commercio candelese- visto il periodo di crisi e le difficoltà causate dai cantieri-sulla base di proposte prima di tutto innovative; oggi anche quanto da noi allora proposto è stato recepito nella delibera e pensiamo che il nostro intervento sia stato utile nell’accelerare il percorso. Nel corso della discussione abbiamo anche voluto sottolineare come il commercio, oltre agli strumenti messi a disposizione del Comune, deve inserirsi sempre più in un’ottica propositiva e di collaborazione tra commercianti e Comune, vista anche con la ripresa delle attività dell’Associazione Commercianti Candelo che aveva avuto un fermo momentaneo; puntare sulla formazione e sulla qualità dei prodotti. E soprattutto sull’innovazione e la tecnologia, perché è vero che il web con l’e-commerce ha tolto fette di mercato ma anche vero che questo stesso strumento, può diventare, se utilizzato bene, una vetrina per la propria attività e un generatore di nuove vendite anche per i piccoli commercianti.

Il futuro passa anche da questo e Candelo, inserito in mondo globalizzato e in rete, non può starne fuori. E’ vero che gli sforzi da compiere sono tanti, ma se si compiono in collaborazione tutto può essere più facile e sicuramente più utile. Puntiamo da oggi in poi a una Candelo 2.0!

I Consiglieri comunali

Renzo Belossi

Silvia Girardi

Erika Vallera

 

#InformaCandelo News dal Consiglio Comunale del 27 novembre: commercio locale, bilancio e asilo nido. Il nostro commento

consigliocomunale
Nell’ultimo Consiglio Comunale di lunedì 27 novembre è stata discussa la nostra mozione per favorire il commercio locale candelese presentata a ottobre. Dopo un confronto con il Sindaco e l’Assessore al commercio, abbiamo deciso di ritirala, visto che è stato assunto l’impegno da parte della Giunta comunale di intervenire, nel bilancio del 2018 in corso di redazione, con un apposito fondo dedicato e preliminarmente con un atto di impegno del Consiglio. Sul tema è stato da noi ribadito come questa mozione voleva essere un pungolo e così è stato nonché un documento propositivo e siamo soddisfatti dell’apertura della maggioranza e che si sia presa coscienza comune del tema con il nostro intervento; abbiamo anche ribadito come questo fondo e il conseguente bando di assegnazione dovranno essere rivolti a tutti i commercianti di Candelo e deve andare a favorire azioni innovative e possibilmente portate avanti in modo associato/in rete dagli esercenti, sottolineando anche il fatto che gli stessi commercianti devono rendersi parte attiva e dinamica nonché propositiva, in quanto un eventuale contributo non potrà risolvere tutti i problemi in campo, ma potrà essere di aiuto e lo potrà esser ancor di più, se gli esercenti stessi si renderanno parte attiva nel cambiamento.
 
Sono anche state discusse e approvate due variazioni al bilancio di previsione 2017. Su queste variazioni, come minoranza, abbiamo fatto notare e rimarcato la nostra preoccupazione sull’aumento di spesa che il Comune deve coprire per l’asilo nido comunale gestito in forma associata (dal 2015 è in gestione associata con Gaglianico e fisicamente è stato concentrato tutto in questo Comune), visto che  due Comuni, Sandigliano prima e Cerrione successivamente, hanno deciso di sfilarsi da questa gestione. La nostra preoccupazione nasce dal fatto che l’aumento dei costi potrebbe portare a spese quasi al pari della gestione in forma singola, che il Comune di Candelo aveva nel proprio asilo nido, e si aggirava quasi intorno ai 180.000 Euro all’anno.
 
E’ pur vero, e questo è un dato oggettivo, che le tariffe per l’utenza candelese sono diminuite, ma non vorremmo che la scelta di trasferire il nido a Gaglianico, possa oggi rivelarsi antieconomica e quindi chiediamo di affrontare la questione, potendo tornare a garantire livelli di costo in linea all’idea iniziale che ha portato alla chiusura di quello di Candelo e successivo trasferimento, magari coinvolgendo altri Comuni dell’Unione della Pianura Biellese.
 
In ultimo, sempre sulla variazione di bilancio, abbiamo anche segnalato che il rifacimento dei marciapiedi prospicienti la Piazza Castello, in concomitanza con i lavori di riqualificazione della stessa Piazza, potevano già essere previsti nell’appalto di risistemazione urbana. Invece in un primo momento si pensava (forse gli uffici, forse il progettista) che questa parte di opere (i marciapiedi) appartenesse ai privati, salvo scoprire che così non è, e giustamente intervenire, ma dovendo utilizzare fondi destinati ad altre opere di sistemazione stradale. Probabilmente se le valutazioni iniziali fossero state differenti, queste opere potevano già essere inserite nell’appalto principale, con un maggiore risparmio per l’Ente.
 
 
Candelo, 28 novembre 2017
 
I consiglieri comunali
 
Renzo Belossi
Silvia Girardi
Erika Vallera

#Candelo Il nostro punto di vista riguardo la viabilità di Piazza Castello e i prossimi eventi di Natale…e la risposta alla Giunta sul contributo per il commercio

download (1)Anche questa volta abbiamo colto nel segno con la nostra mozione di proposta di interventi in favore del commercio candelese.

Siamo venuti a conoscenza che nella riunione urgentissima di giovedì 19 ottobre, convocata dal Sindaco e dall’Assessore al Commercio, è già stata “venduta” agli esercenti la possibilità che per l’anno 2018 il Comune bandirà un avviso per erogare contributi al commercio candelese. Siamo soddisfatti di questa decisione, ma ci viene un dubbio: non è che la proposta del Sindaco e dell’Assessore al Commercio è stata fatta dopo aver ricevuto la nostra mozione? Visto che il documento l’abbiamo presentato il 17 ottobre e la lettera di convoca è stata portata ai commercianti il 18 ottobre in fretta e furia e quindi notiamo un tempismo sospetto, degno dei più abili prestigiatori e illusionisti dell’amministrazione locale e quindi la nostra proposta è l’originale e ha fatto centro!

Ora attendiamo di discuterne in Consiglio Comunale con lo spirito di collaborazione e apertura con cui, sin dall’inizio, la mozione è stata proposta, pronti a condividerla e se necessario a integrarla e migliorarla.

Nel frattempo vogliamo sottolineare le nostre osservazioni e perplessità, già espresse durante la commissione tutela del territorio del 9 ottobre scorso, in merito alla chiusura totale della Piazza durante i fine settimana in cui ci saranno i mercatini di Natale, perplessità di molti candelesi a cui diamo voce. Non discutiamo dell’evento in sé meritevole e importante per Candelo e a cui prendiamo parte anche noi dando una mano laddove possibile, ma sul fatto che ci sembra azzardato,per quest’anno, aver aggiunto alla domenica anche il sabato, in quanto nella zona interessata dall’evento è presente il cantiere per la riqualificazione della Piazza e la combinazione di questo, con le nuove disposizioni di sicurezza antiterrorismo dettate dalla Prefettura e la presenza dei banchetti, determinano la chiusura di tutte le strade per ben quattro weekend consecutivi di questa zona con stravolgimento della viabilità complessiva del paese e difficoltà per i candelesi e non che per raggiungere Vigliano, Cossato e i paesi limitrofi dovranno, pure di sabato, percorrere la dissestata Via Mulini, tra l’altro strada in parte privata. Pertanto sarebbe stato meglio se il Comune e la Proloco avessero tenuto conto della situazione complessiva, rinunciando per i mercatini 2017 al sabato (che tra l’altro necessita di molti più volontari e non sará facile reperire) e pensando di poterlo meglio pianificaee, proporre e attuare per l’anno 2018.

Così non è e ora si corre ai ripari, anche improvvisando, come spesso fa questa Amministrazione sul tema viabilità e commercio e come sempre consultando le parti in causa in ritardo!

Crediamo che al momento, l’unica Istituzione che possa ricomporre l’intricata situazione, sia la Prefettura a cui ci appelliamo.

Candelo, 20 ottobre 2017

Il gruppo “Candelo Città Possibile”

Renzo Belossi

Erika Vallera

Silvia Girardi

#commercio La nostra mozione per favorire tutto il commercio candelese

Logo-Commercianti-per-un-giorno-730784-600x300Di seguito la nostra proposta di mozione riguardo la possibilità di poter costituire un fondo di intervento economico da destinare a tutti i commercianti che possa essere utilizzato per finanziarie un apposito bando che incentivi azioni innovative e sviluppo del commerciale, presentata dagli stessi esercenti oppure una riduzione delle imposte/tasse comunali a carico dei commercianti.
 
L’idea di questa proposta nasce da due considerazioni: la prima che il commercio locale possa ancora essere, nella realtà medio-piccole, un importante presidio di comunità e di mantenimento dell’economica locale e deve essere invogliato e supportato a compiere cambiamenti e innovazioni, in cui gli stessi esercenti ne devono essere partire attiva e propositiva; la seconda legata ai lavori di riqualificazione di Piazza Castello, che sono stati avviati in questi giorni, che nel medio periodo saranno anche in grado di riqualificare dal punto di vista urbanistico, commerciale e turistico una parte importante del paese ma inevitabilmente porteranno disagio alla viabilità complessiva e possibili ripercussioni sul commercio, e non solo a quello legato alla Piazza e al centro e quindi potrebbe essere necessario un aiuto.   
 
La nostra mozione è una proposta “aperta” al Sindaco e ai gruppi di maggioranza e minoranza, affinché si possa individuare in uno spirito di collaborazione la soluzione e l’intervento migliore a chi sostiene lo sviluppo locale. 
 
Siamo ben consci delle difficoltà economiche generali, ma pensiamo che l’amministrazione comunale, istituzione più vicina ai cittadini, possa e debba, nel proprio piccolo, ancora essere di aiuto.
Oggetto: mozione – Interventi favore del commercio candelese.
I sottoscritti consiglieri comunali del gruppo “Candelo Città Possibile”, Renzo Belossi, Erika Vallera e Silvia Girardi
Premesso che
– questa Amministrazione, come si evince dai documenti di programmazione, ha tra le proprie azioni fondamentali il sostegno al commercio candelese;
– gli esercizi commerciali candelesi, come molti altri, vivono un periodo di crisi economica; – nonostante la predetta situazione di sofferenza economica, nel nostro territorio sono sorte nuove attività. Dunque, vi sono persone e/o famiglie che vogliono mettersi in gioco, aprendo e gestendo nuovi esercizi commerciali. Circostanza particolarmente positiva per Candelo e che fa ben sperare per il prossimo futuro.
Considerato che
Il commercio locale è un’attività economica che rende vivo il paese -pur nei cambiamenti delle abitudini quotidiane, soprattutto con l’avvento dapprima dei centri commerciali e oggi del commercio online e-commerce, che hanno determinato uno spostamento degli acquisti- e per quanto sia possibile va incoraggiato e sostenuto e, se necessario, anche stimolato a compiere cambiamenti e a rinnovarsi.
Nell’ambito delle azioni a supporto delle attività economiche candelesi sarebbe auspicabile ricercare strumenti volti a fornire sostegno economico per ristorare dei disagi subiti nel pregesso periodo e per dare impulso affinché tutti i commercianti siano più ancora più attivi;
Consapevoli che il mero supporto dell’amministrazione comunale non è sufficiente poiché occorre altresì un forte dinamismo dei negozianti e la loro volontà nel ricercare e proporre interventi concreti, quando possibile, di comune intesa con il Comune e le Associazioni del territorio;
Rilevato che
sono di imminente avvio i lavori di riqualificazione di Piazza Castello e delle vie limitrofe inseriti nell’ambito del Piano di Qualificazione Urbana e del Commercio. Tali opere ridefiniranno l’assetto urbanistico dell’area interessata con l’auspicio di dare maggiore impulso al commercio locale. Tuttavia, non si può non evidenziare che, nella fase di esecuzione dei lavori, vi saranno inevitabili cambiamenti alla circolazione stradale con ripercussioni su tutta la viabilità di Candelo e con disagi ai candelesi, agli esercizi commerciali, artigianali e all’organizzazione degli eventi calendarizzati per il periodo. Tutto ciò rende, a parere di questo gruppo consiliare, ancor più urgente la ricerca di soluzioni condivise per sostenere le attività commerciali candelesi.
In ragione di quanto sopra,
IL CONSIGLIO COMUNALE IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA
A valutare la creazione, in sede di approvazione della prima variazione al bilancio preventivo per l’anno 2017, di un apposito fondo di sostegno alle attività economiche commerciali e artigianali candelesi da utilizzarsi per finanziare un bando specifico di incentivi al commercio al fine di premiare, soprattutto, proposte di innovazione presentate dal commerciante singolo o in associazione fra commercianti o in rete tra di loro.
Candelo, 14 ottobre 2017
I consiglieri comunali
Renzo Belossi Erika Vallera Silvia Girardi

#piazzacastello News sul progetto e parcheggi

image

Ieri si è svolta la commissione comunale tutela del territorio,presirduta dal nostro capogruppo, dove sono state presentate alcune proposta alternative al progetto di riqualificazione di Piazza Castello. Come sapete tutta la vicenda è stata caratterizzata sin dall’inizio da una mancata condivisione del progetto con i candelesi e i commercianti, con proteste da parte di commercianti e incontri pubblici.
L’incontro è stato costruttivo e utile e possiano dire che a quasi un anno dalla presentazione del progetto, qualcosa è cambiato. Le nuove soluzione proposte dall’Amministrazione Comunale vedono una diversa ridistribuzione dei posti auto con un aumento degli stalli rispetto al progetto originario; l’area pedonale fronte al Ricetto rimane, anche se con dimensione un poco ridotte su cui, comunque, rimangono qualche perplessità sull’utilizzo,ma risolvibili.
Questa la situazione aggiornata, ora il Sindaco e la Giunta incontreranno gli esercenti e speriamo che possa essere trovato un punto d’incontro, affinché si possano  coniugare le  esigenze di riqualificazione urbana e di rilancio turistico con le giuste esigenze della cittadinanza e del commercio, perché,crediamo, che l’obiettivo comune sia poter giungere ad una soluzione nell’interesse di tutta Candelo.