A volte ritornano…Due storie di ieri nel 2016

fb_img_1464196852820.jpgDue storie amministrative che ci riportano nel passato, pensando di essere tornati indietro ma cosi non è, siamo nel 2016.

La prima riguarda l’idea del Sindaco di realizzare un village per anziani, per auto e non autosufficienti,vicino alla casa di riposo gestita da “la Baraggia” S.r.l.. 
La proposta in sé è buona e guarda al futuro della popolazione più avanti con gli anni, affinché si possa assicurare loro assistenza, servizi e luoghi di socializzazione, ma va ricordato che parte da lontano, visto che sono anni che si discute di questo progetto e già alcuni ex Sindaci pensarono a ciò e per di più nel 2004 l’allora Presidente della RSA insieme al suo consiglio di amministrazione presentarono un primo progetto di ampliamento della casa di riposo alla presenza dell’allora già Sindaco Biollino, che nei propositi riguardava la realizzazione di mini-alloggi con assistenza socio-sanitaria e servizi comuni per persone anziane autosufficienti, certamente qualcosa di differente da un village con servizi integrati.
Probabilmente già all’epoca si poteva realizzare una parte di questo village e mettere una prima pietra. Ma a parte ciò oggi si potrebbe ripartire da quell’idea progettuale, aggiornandola e rendendola consona al nostro tempo, in modo da non abbandonare una buona base di partenza che esiste. Rimane, però, una domanda su tutte: chi promuove e mette i soldi per questa operazione? Perché se l’idea di fondo è quella di vendere la casa di riposo non siamo per nulla entusiasti, se invece l’idea sarà quella di pensare ad un sviluppo pubblico-privato per le nuove realizzazioni, lasciando anche alla parte pubblica poteri di controllo, crediamo sia praticabile e da approfondire. Ma se si tornasse a parlare di vendere la casa di riposo, lo diciamo già ora, questo non ci piace.
 
La seconda riguarda il campo sportivo o meglio la “cittadella dello sport” per noi opera fantasma e presente solo nel cartellone d’ingresso del campo da calcio. Oggi, finalmente, vediamo che il progetto è arrivato quasi “in rete”, perché è stato appaltato e a breve partiranno i lavori; non sarà più quel progetto presentato in pompa magna dal Sindaco Biollino quando era già Sindaco negli anni 2000 e usato nelle campagne elettorali, sarà un qualcosa di più contenuto e senza, purtroppo, la sicurezza che le tribune e gli spogliatoi, ormai in pessime condizioni, vengano sistemati. 
La storia è lunga e piena di cambiamenti e incidenti di percorso burocratici, ma quello che vogliamo sottolineare è che dal 2005 il Comune di Candelo paga il mutuo dedicato a quest’opera e solo nel 2016, ben 11 anni dopo, i lavori partono. Questa vicenda è sempre stata poco chiara nella sua gestione e  pensiamo che sia un poco tardi costruire il nuovo campo oggi, ma doveroso e d’obbligo farlo, per i candelesi e per allocare i soldi presenti in bilancio e destinati a questo specifico progetto. La sfida sarà la gestione e i costi che ne deriveranno, nonché far sì che sia utilizzato al meglio, questi sono i nodi che occorrerà sciogliere, trovando le migliori soluzioni.
Certo non sarà mai la “Cittadella dello Sport” che immaginava il Sindaco anni fa, centro di aggregazione e sportivo del paese, perché ormai il tempo è scaduto e non da poco!!!
 
Per il gruppo consiliare “Candelo Città Possibile”
Il capogruppo
Renzo Belossi
P.S. Qui sotto trovate le foto del progetto di ampliamento della casa di riposo presentato nel 2004
Annunci

#pullminocandelo Questo farà piacere alla famiglie candelesi…

Ecco il pullmino del Comune di Candelo che fino ad un anno e mezzo fa veniva utilizzato per il servizio di scuolabus, fermo nel deposito comunale.

2015-01-25 11.25.152015-01-25 11.26.01

2015-01-25 11.25.32 2015-01-25 11.25.05

Il Servizio oggi non esiste più ed è stato soppresso quando Sindaco era Chilà affiancato nella scelta dall’attuale Sindaco Biollino,allora vice-sindaco, sempre presente nelle decisioni importanti. I motivi della soppressione erano la poca utenza e perché il mezzo necessitava di interventi urgenti di manutenzione che il Comune non poteva permettersi e ci ricordiamo come tale decisione venne presentata, alle minoranze di allora, come temporanea in attesa di poter avere qualche soldo per ripristinare il servizio, però scopriamo che oggi l’automezzo è abbandonato nel deposito comunale di Via Franco Bianco, lasciato lì letteralmente a marcire e qualche mese fa era stata indetta anche un gara per la vendita che non sembra avere dato il risultato sperato. Forse non sarebbe stato meglio cercare di:
promuovere una campagna tra le famiglie per aumentarne l’utilzzo;
cercare fondi pubblici, privati, di Fondazioni, di Organizzazioni per ripararlo e successivamente per sostituirlo in quanto prossimo al non utilizzo per il superamento degli anni di servizio stabiliti dalla normativa;
cercare di promuovere l’utilizzo del servizio “in Società” con i Comuni vicini che fanno parte della neonata Unione dei Comuni.

Ma tutto questo non si è fatto e non lo si vuole fare, si preferisce non avere il servizio e lasciare un bene comunale, che era utile a tante famiglie candelesi, cadere a pezzi nel cortile del deposito comunale. Nei panni del Sindaco e dell’Assessore ai Servizi Sociale, che dicono di essre tanto attente al sociale, ci sarebbe da vergognarsi.

il gruppo Candelo Città Possibile

 

Eco di Biella di oggi

Oggi siamo su Eco Di Biella con il nostro comunicato sulle Politiche Sociali.

Ribadiamo il fatto che l’Amministrazione debba avere un ruolo centrale, sia a livello progettuale che a livello economico. Non possiamo lasciare tutto il peso dei progetti alle Associazioni di Volontariato, che già svolgono un lavoro immenso.

Bisogna fare RETE, PROGRAMMARE, LAVORARE e PROGETTARE a LUNGO TERMINE!

f79e1474788f65daf811ad969a5de11c

Troppo facile parlare di “Città del Sociale”, vogliamo Programmazione e Prospettive

cropped-1544978_261485827361360_1325112981_n.jpgPartiamo da una cosa semplice: parlare di “Promozione del benessere”, “Miglioramento delle condizioni qualitative della vita dei cittadini”, di “Città del Sociale” è facile e rischia di essere anche un po’ retorico. Costruire delle Politiche in grado garantire un aiuto concreto e di costruire delle prospettive è più difficile necessita di tempistiche più lunghe.

Vogliamo esprime la nostra opinione sul tema delle Politiche Sociali e Giovanili prendendo spunto dal “Progetto di supporto scolastico” approvato dall’Amministrazione Biollino con delibera N. 152 del 18.09.2014.

Per quanto riguarda le risorse messe in campo nel suddetto progetto, infatti, non viene individuata alcuna forma di finanziamento o co-finanziamento da parte dell’Amministrazione. Tutto il peso economico di questa misura viene infatti scaricato sulle Associazioni coinvolte che già svolgono un lavoro immenso e che dovranno anche reperire i fondi sia per l’avvio che per un’eventuale prosecuzione. Questo evidenzia un’incapacità nel programmare a lungo termine gli interventi, sia a livello economico che progettuale.

Pur essendo un progetto sperimentale, emergono alcuni punti estremamente critici. Il “contratto” prevede una clausola di restituzione dei libri a conclusione dell’anno scolastico. Se i libri non sono in buono stato inoltre, la famiglia dello studente dovrà ripagarli. E’ forse giusto pretendere la restituzione di un volume, sicuramente utile gli anni successivi del percorso di studio, anche se lo studente ha rispettato il contratto conservandolo in maniera appropriata? Contestiamo il cosiddetto “debito sociale di restituzione”, perché crediamo che i libri non siano una “moneta di scambio” ma che siano un mezzo che produce cultura e fornisce possibilità al giovane di costruirsi un futuro migliore. Inoltre il ruolo del tutor, individuato in questo contratto, potrebbe essere un’opportunità per coinvolgere i giovani candelesi che non partecipano attivamente alla vita di paese perché ne sono esclusi. Con lo stesso progetto si interesserebbero non solo gli studenti delle superiori ma anche gli universitari e i laureati under 35, dando a questi ultimi la possibilità di impegnarsi concretamente per il proprio Comune.

Candelo Città Possibile è convinta che sia necessario stipulare un “Patto tra generazioni”, coinvolgendo sempre di più i giovani, ai quali viene dato troppo poco spazio. Ci chiediamo quale sia l’indirizzo politico dell’Amministrazione nell’ambito delle politiche sociali; crediamo infatti che queste debbano essere accompagnate da progetti di ampio respiro, che svolgano azioni a lungo termine e con personale specializzato, non “azioni spot” fini a sé stesse. Crediamo inoltre che l’Amministrazione debba svolgere un ruolo centrale, di coordinamento e indirizzo. 

Siamo disponibili a confrontarci e collaborare portando le nostre proposte; questo può avvenire solo se la Giunta coinvolgerà davvero tutto il Consiglio nelle prossime decisioni, come il Sindaco ha dichiarato ad inizio mandato”

Vogliamo programmazione, vogliamo progetti che pensino allo sviluppo della nostra Città.