#propostaperCandelo Organizziamo la Giornata dei Beni Comuni anche nel 2017

b_1506248dc5Candelo, 23 febbraio 2017

Al Sindaco del Comune di Candelo                            p.c.                                                                                     Alla Giunta Comunale

Oggetto: proposta giornata dei “Beni Comuni” 2017

vi scriviamo per esporvi una proposta che pensiamo possa essere ben accetta.

Come ricorderete, lo scorso anno nel mese di aprile  si è  svolta la “Giornata dei Beni Comuni”, un momento collettivo che nasceva da una mozione consiliare proposta da questo gruppo e subito accolta positivamente dall’intero Consiglio.

In quell’occasione, la nostra Comunità (non solo Associazioni ma altresì cittadini, le donne e gli uomini migranti ospitati nel centro accoglienza di Candelo, noi amministratori locali) si è presa cura dei beni collettivi presenti nel nostro paese. Per non dimenticarci che, al completo contenuto di quella proposta collettivamente rivista si deve ancora dare una piena attuazione e per non scordarci il bel clima creatosi, oggi rinnoviamo la proposta per l’anno 2017.

Sappiamo che l’8 aprile si inaugurerà la nuova area giochi/fitness nel parco di Santa Maria Maggiore e, magari proprio tale giornata, potrebbe diventare il giorno giusto per una nuova giornata dedicata alla cura dei Beni Comuni. In fin dei conti, si inaugureranno nuovi e innovativi giochi proprio in un’area che lo scorso anno era stata oggetto di cura e pulizia.

È vero che non si potranno risolvere tutti i problemi con questa giornata di impegno civico e ci sono interventi che devono essere portati avanti dalle Istituzioni ma tentiamo almeno di non disperdere la voglia di fare che era emersa l’anno scorso. Compito di noi amministratori è anche trasmettere senso civico e amore per la nostra Candelo; ancor più necessario oggi in cui sempre più frequentemente si deve fare i conti con gesti stupidi e insensati contro beni pubblici ad opera di persone irrispettose e incivili.

Rinnoviamo, come detto, la nostra proposta per una nuova giornata di aggregazione e lavoro collettivo, nell’interesse della nostra Comunità e che possa andare oltre con azioni concrete rivolte alle giovani generazioni, anche tramite le scuole.

Nel caso in cui l’Amministrazione avesse già pensato e messo in calendario l’iniziativa, ne siamo felici e comunichiamo sin d’ora la nostra disponibilità a collaborare per la migliore riuscita.

Grazie dell’attenzione.
Rimaniamo in attesa di un riscontro che auspichiamo positivo.

Cordialmente

I consiglieri comunali del gruppo “Candelo Città Possibile”

Renzo Belossi                                            Erika Vallera                                                Silvia Girardi

Annunci

#fotografia #Ghirardelli #proposta L’archivio fotografico donato da Giulio Ghirardelli, non deve rimanere in un cassa

ghirardelliAlla cortese attenzione di Sindaco ed Assessori competenti

Oggetto: Proposta utilizzo materiale fotografico donazione Giulio Ghirardelli.

Formuliamo la presente per condividere con Voi una idea sorta in seno al nostro gruppo a seguito delle dichiarazioni lette sui giornali circa la volontà del fotografo Ghirardelli di donare all’Amministrazione comunale parte del proprio patrimonio fotografico affinché l’Amministrazione stessa si occupi di conservare la memoria storica del paese. La nostra proposta vuole essere innanzitutto un modo per ringraziare Giulio Ghirardelli del lavoro svolto e per aver raccontato negli anni, attraverso le sue foto, la vita e la crescita di Candelo, contribuendo a formare una memoria storica condivisa e divenendo nel tempo un vero e proprio punto di riferimento nel settore fotografico. Consapevoli dunque del fatto che gli scatti di Giulio, raccolti in 40 anni di attività, possono dare uno sguardo quasi completo dell’evoluzione di Candelo da un punto di vista storico-architettonico e sociale (basti pensare al fatto che Ghirardelli ha presenziato sempre -come per altro continua a fare ancora con evidente passione- ad ogni manifestazione locale) chiediamo di non chiudere queste immagini in un archivio bensì di orientarsi verso scelte diverse. Nello specifico la nostra proposta prevede di selezionare dal patrimonio che verrà donato da Giulio Ghirardelli una serie di scatti da utilizzare per costruire un percorso fotografico che conduca il visitatore a muoversi per Candelo. Realizzabile mediante pannelli che, accanto allo scatto fotografico scelto, forniscano informazioni dettagliate. L’idea base è dunque di creare una sorta di “galleria d’arte all’aperto” in grado sia di attirare un pubblico di appassionati sia di rendere facilmente accessibile e fruibile ai candelesi la donazione di Giulio. Un progetto di questo tipo si potrebbe, inoltre, inserire in un piano di riqualificazione di determinate aree del paese, magari scegliendo punti strategici che verrebbero così arricchiti da queste installazioni fotografiche che diventerebbero contemporaneamente elementi di arredo urbano. Fra gli altri, si potrebbe sicuramente prevedere l’installazione di pannelli anche nel progetto di riqualificazione della piazza Castello, attualmente al vaglio dell’amministrazione. Nell’ottica di riduzione dei costi si potrebbe poi valutare di affidare la manutenzione di questeinstallazioni a soggetti privati in cambio di uno spazio pubblicitario, come già avviene per le rotatorie con il progetto “Adotta una rotonda”. In alternativa, si potrebbe altresì valutare una mostra permanente che magari preveda di variare gli scatti esposti con una certa cadenza (permettendo così di utilizzare anche un piccolo spazio) e, se possibile, effettuando delle esposizioni tematiche. Alle presenti proposte ben potrebbero unirsi altre provenienti dal gruppo di maggioranza o, ancora meglio, si potrebbe valutare di creare un apposito gruppo di lavoro formato da volontari, preferibilmente con competenze specifiche nel settore fotografico, artistico, storico che sia in grado di realizzare un progetto idoneo a valorizzare nel miglior modo possibile quanto verrà donato da Giulio Ghirardelli.

Candelo, 11 novembre 2015

Cordiali saluti,

I consiglieri comunali Renzo Belossi, Silvia Girardi, Erika Vallera