#ViabilitàCandelo Tra una chicane e l’altra…ricordiamoci anche di Via Debais e non solo

E’ da poco stata risistemata la viabilità in Via Matteotti (strada centrale del paese che porta a Piazza Castello), con la creazione di un percorso pedonale dedicato e più sicuro e una serie di rallentamenti, al fine giustamente di ridurre la velocità dei veicoli in transito. Tra questi rallentamenti ve ne è uno più curioso: una chicane sulla parte terminale della Via Matteotti disegnata a terra per mezzo di segnaletica orizzontale. Questo tipo di rallentamento ha creato un po’ di ironia in paese non tanto per il tipo di segnaletica in sè, bensì perché al momento non funziona come dovrebbe e quindi non rallenta le auto (e i veicoli passano allegramente sopra le strisce tracciate a terra), in quanto non è stato previsto alcune tipo di restringimento o meglio una serie di paletti che delimitino questa chicane, al fine di creare un percorso obbligato che va a ridurre la velocità. Chiediamo dunque di definire meglio questa nuova viabilità e di rispettare altresì la soluzione iniziale del progetto, in cui è previsto sempre a lato di questa doppia curva, un parcheggio ma che è sparito e non si capisce il perché!
Sempre sul tema viabilità, ci facciamo portavoce di alcuni candelesi residenti in Via Debais i quali lamentano un eccessivo traffico, indotto dal nuovo senso unico di Via Libertà che obbliga a metà della Via la svolta in Via Debais, ma la questione più sentita è che l’aumento dei veicoli porta con sè maggiore insicurezza per chi vive e passa in questa strada, in quanto le auto, non trovando nessun tipo di rallentamento, sfrecciano il più delle volte a velocità sostenute, creando non poco pericolo. Chiediamo- anzi chiediamo nuovamente visto che il tema non è nuovo e già qualche anno fa abbiamo posto la questione allorquando vennero eliminati tutti i posti auto in Via Debais-al sindaco e all’assessore competente di intervenire per ricercare una soluzione, visto, soprattutto, che ll’amministrazione ha empre ribadito che tutti gli interventi sulla viabilità “servono per garantire l’utenza debola e i pedoni”.
Infine, sempre in questi giorni, abbiamo segnalato che nella passeggiata del Ricetto (direzione area giochi partendo da dove c’é l’ingresso retro panificio) da qualche tempo manca l’illuminazione, come abbiamo constato anche personalmente giovedí 8/11/18. Giustamente più di un candelese si sente poco sicuro a passare per quella strada la sera!
Abbiamo prontamente segnalato al Sindaco il problema affinché venga sistemata la situazione il più rapidamente possibile, visto che proprio in questo periodo si stanno eseguendo lavori sulla illuminazione pubblica.

Per Candelo Città Possibile
Il capogruppo
Renzo Belossi

#Candelo #Cambiaviabilità Piano della viabilità urbana,a più di un anno a che punto stiamo? La nostra interpellanza per fare chiarezza e fare le giuste scelte

wpid-c_a83247de0e.jpgDi seguito l’interpellanza presentata come gruppo consiliare “Candelo Città Possiile” in merito al “Piano della viabilità urbana presentato, circa un anno dal Sindaco e dall’Assessore alla viabilità, Lacchia.

Il documento vuole essere uno stimolo a riportare, nuovamente, la discussione all’attenzione del Consiglio Comunale dopo circa un anno, al fine di poter capire quali cambiamenti non hanno funzionato, e magari andranno cambianti, e comprendere quali nuovi interventi la Giunta vuole apportare alla viabilità e poter, ove possibile, trovare una soluzione condivisa da tutti i gruppi consiliari, al fine di intraprendere un percorso volto a tutelare la sicurezza di candelesi, attenuare il passaggio dei veicoli senza arrecare danno al commercio e salvaguardare il nostro patrimonio ambientale, storico ed edilizio

Al Sindaco del Comune di Candelo

Mariella Biollino

All’Assessore ai Lavori Pubblici e Viabilità

Giuseppe Lacchia

Oggetto: interpellanza in merito a “Piano viabilità urbana”

I sottoscritti consiglieri comunali, Renzo Belossi, Erika Vallera e Silvia Girardi, del gruppo consiliare “Candelo Città Possibile”

PREMESSO CHE

·      l’Amministrazione comunale ha più volte esternato l’intenzione di procedere ad un cambio della viabilità cittadina al fine garantire la sicurezza dei cittadini, soprattutto delle fasce più deboli;

·      alcuni cambiamenti sono già stati attuati: tra gli altri, via Fiume, via Mazzini, via B. De Bais nel tratto tra via Libertà e via Molignati e, da ultimo, via B. De Bais nel tratto tra via Libertà e via Franco Bianco.

RILEVATO CHE

·      a seguito delle proteste di molti candelesi, nonché dei commercianti, oltre agli interventi nel merito del nostro gruppo consiliare mediante le interpellanze presentate l’autunno scorso, la Giunta ha dapprima rivisto alcune scelte (Via Mazzini in primis) e presentato una prima idea di piano del traffico urbano, in sede di Commissione Tutela del Territorio e di incontri tra gruppi consiliari;

·      la Giunta comunale ha sperimentato, a partire dal mese di Aprile, la chiusura parziale alle auto di Piazza Castello nelle giornate di sabato e domenica. Chiusura, in sé condivisibile, ma che purtroppo non è mai stata accompagnata da eventi, anche di piccola portata, che potessero tenere viva la Piazza-come ipotizzato in più incontri ed anche comunicato ai commercianti- e solo dal mese di settembre si  tiene il mercato;

·      in più casi i provvedimenti di modifica non vengono rispettati perché il controllo non è adeguato: caso eclatante è il mancato rispetto del divieto di sosta e fermata con rimozione forzata in occasione della chiusura alle auto di Piazza Castello.

CONSIDERATO CHE

·      interventi a “spot” sono poco utili e non incisivi per la viabilità ed alcuni poco capiti (per utilizzare un eufemismo)  dai candelesi, si veda Via Fiume;

·      in via generale alcune idee di revisione presentate dall’Assessore alla Viabilità sono di buon senso e condivisibili ma occorre meglio dettagliare le ipotesi d’interventi sulle Vie Libertà, Molignati, San Sebastiano e Via Roma.

·      come sempre richiesto da questo gruppo consiliare occorre, sì rivedere la viabilità, ma con un piano generale, coordinato, organico e concertato, al fine di raggiungere il miglior risultato possibile con la massima partecipazione dei candelesi;

·      occorre porre particolare attenzione anche alle strade Provinciali del nostro territorio, in quanto tali vie creano non poche difficoltà e problemi di sicurezza, basti pensare a via per Biella, Via Sandigliano, Via Castellengo, Via Resistenza;

·      si pone con forza il tema di far rispettare i provvedimenti modificati della viabilità emessi,  al fine di dare concreta attuazione a quanto deciso.

INTERPELLANO

Il Sindaco e l’Assessore alla Viabilità  per sapere

1)        quale evoluzione concreta si intende dare alla prima idea di piano del traffico urbano;

1)        se si intende procedere all’istituzione del senso unico di marcia sulle Vie Libertà, Molignati, San Sebastiano e Via Roma, come ipotizzato dall’Assessore alla viabilità;

2)        quali interventi si intendono attuare sulle Vie Provinciali presenti sul nostro territorio, (Via Biella, Via Sandigliano, Via Castellengo), anche e soprattutto di concerto con l’Ente Provincia, al fine di garantire maggiore sicurezza ai candelesi;

3)        quali azioni di intendono portare avanti, affinché i provvedimenti modificati della viabilità emessi, siano effettivamente rispettati e quindi ci siano un maggiore controllo, ed abbiano quindi la giusta efficacia attesa;

4)        perché durante la chiusura parziale alle auto di Piazza Castello, nei giorni di sabato e domenica, non si siano mai svolte iniziative volte ad intrattenere e rendere effettivamente “viva” anche con piccoli eventi la piazza.

Candelo, 21 settembre 2015

I consiglieri comunali

Renzo Belossi – Erika Vallera – Silvia Girardi

#Consigliocomunale Giovedì 29 gennaio ore 20-Viabilità, Piano regolatore e Casa del principe

20140730-222416-80656504Giovedì 29 gennaio alle ore 20 nella sala Pier Carlo Robiolio c/o Centro Socio-culturale “Le Rosminiane” si terrà il Consiglio Comunale si parlerà tra le altre cose di:

  • viabilità, in seguito alla nostra interpellanza visto il caos che si è creato e che probabilmente, con il senso unico di Via Mazzini, si verrà a creare da lunedì 26 gennaio;

  • Piano regolatore comunale. Dopo 10 anni approda in consiglio comunale la delibera di adozione della variante strutturale al PRG;

  • Comodato della Casa del Principe al Ricetto tra Fondazione Cassa di Rispario di Biella e Comune. Vogliamo sapere costi, benefici dell’operazione e cosa si farà di questa struttura.

Partecipate numerosi, perché il comune non di chi lo amministrata ma dei candelesi

Caos viabilità a Candelo #annonuovostraneidee

2015-01-10 12.13.16Al Sindaco del Comune di Candelo

Mariella Biollino

All’Assessore ai Lavori Pubblici e Viabilità

Giuseppe Lacchia

 Oggetto: interpellanza in merito a “Istituzione senso unico di marcia su Via Mazzini, riorganizzazione posteggi auto su Via De Bais e riorganizzazione posti auto in Piazza Castello”

I sottoscritti consiglieri comunali, Renzo Belossi, Erika Vallera, Marco Vitale, del gruppo consiliare “Candelo Città Possibile-Renzo Belossi Sindaco”

PREMESSO CHE

non sempre l’anno nuovo porta idee nuove e buone;

è stato istituito il senso unico di marcia sperimentale su Via Mazzini, a partire dal 26 gennaio 2015,con Ordinanza n.1/2015 del Comande dell’Ufficio di Polizia Locale ed è stata data notizia con avviso a firma dall’Assessore ai Lavori Pubblici e Viabilità, Giuseppe Lacchia;

il giorno 09 gennaio 2015 è stato dato seguito al rifacimento della segnaletica stradale in Via De Bais in conformità dell’Ordinanza n.2/2015 dell’Ufficio di Polizia Locale, disegnando sul lato destro della strada, a scendere verso Via Molignati, uno spazio riservato al transito pedonale, eliminando nei fatti la possibilità di sosta da parte dell’auto, possibilità sino al giorno 9/1/2015 ammessa;

è stato aggiunto un posto riservato allo “scarico e carico merci” in Piazza Castello, riducendo i posti a disposizione;

con Delibera di Giunta n.145 del 28/08/2014 “Modifiche alla viabilità ordinaria – Indirizzi” sono state previste l’istituzione del senso unico su Via Mazzini e Via Fiume, la pedonalizzazione di parte di Piazza Castello e nessun intervento in merito alla viabilità su Via De Bais.

CONSIDERATO CHE

nel merito di Via Mazzini

il senso unico introdotto, da Via Roma verso la P.zza Castello, non risolverà i problemi di cedimento della fognatura (a quanto si legge nella delibera di Giunta n.145 del 28/8/14 questo risulta uno dei motivi della scelta), visto che il carico di veicoli giornalieri infatti rimarrà alto (circa 3.000 al giorno) e i mezzi pesanti, rappresentati in gran parte dal pullman della linea 57, continueranno a transitare; non avendo rivisto la circolazione all’interno di un piano organico si rischierà di intasare Via Libertà e Via Cerventi, già provate dal pesante traffico. Inoltre non sarà possibile realizzare, a seguito dell’introduzione del senso unico, nuovi parcheggi su Via Mazzini con la concreta possibilità di perdita di clientela per i commercianti ivi presenti. Non è difficile immaginare difatti che la clientela proveniente dalla Piazza, non trovando parcheggio nella stessa, si sentirà scoraggiata dal dover fare un lungo giro per raggiungere gli esercenti di Via Mazzini, con l’ovvia scelta di recarsi altrove;

nel merito di Via De Bais

per quanto riguarda l’eliminazione della possibilità di posteggiare su Via De Bais, questa scelta, come appreso da molti residenti nella Via, non è stata né concertata con loro né tantomeno comunicata con anticipo, creando parecchie difficoltà organizzative alle famiglie, inoltre non è chiaro il motivo perché è stata tolta totalmente possibilità di parcheggiare sull’interna Via, visto che in alcuni punti la strada è più larga e può ospitare la possibilità di sosta delle auto;

che al momento la Via De Bais, tratto tra Via Libertà e Via Molignati, in assenza delle auto posteggiate e priva di qualsiasi tipo di dissuasori per la velocità, diventa un “corridoio” percorso ad alta velocità dalle auto con pericolo per chi la percorre a piedi e in bici, vanificando così lo scopo, previsto dalla Giunta, di mettere in sicurezza i pedoni;

nel merito di Piazza Castello

l’aver istituito un nuovo punto di “carico e scarico marci” riduce i posti auto a disposizione e non sono stati eliminati i troppi posti auto riservati al Comune, creando una disparità con il resto dei candelesi;

non in tutte le zone di Candelo esistono parcheggi alternativi qualora vengano eliminati i posti auto esistenti nelle Vie e questo caso lo si ha in Via De Bais.

RILEVATO CHE

pur non essendo contrari ad interventi sulla viabilità del nostro paese, poiché riconosciamo che il traffico è molto e la circolazione a piedi e in bici risulta a volte pericolosa, riteniamo che le azioni di modifica della viabilità debbano essere ricondotte ad un Piano ampio e coordinato, in special modo per quanto concerne le modifiche dei sensi di marcia, che questa Giunta non ha approntato;

la Giunta Comunale sul tema viabilità non ha sentito esigenza di confrontarsi con i candelesi e nemmeno con i consiglieri comunali nelle opportune sedi istituzionali, con grave sgarbo, in primis, ai candelesi;

occorre una sensibilizzazione tra i candelesi per un minor utilizzo dell’auto, incoraggiando gli spostamenti a piedi e in bicicletta;

che non devono esistere posti auto cd “riservati” per amministratori se non ai mezzi comunali per il servizio tecnico e di polizia locale e di emergenza.

 

INTERPELLANO

Il Sindaco per sapere

riguardo il senso unico di marcia su Via Mazzini

    • quanto durerà il periodo sperimentale del senso unico di marcia;
    • se il senso unico di marcia sarà revocato qualora sia accertato, come sospettiamo, che creerà disagi alla viabilità e danni ai commercianti della Via e della vicina Piazza Castello;
  • riguardo Via De Bais

 

    • per quale motivo è stata eliminata su tutta la Via la possibilità di parcheggiare e non si è pensato di lasciare questa possibilità almeno nei punti più larghi della strada, in modo da coniugare la sicurezza dei pedoni con zone di sosta per le automobili.
    • per quale motivo non c’è stata nessuna concertazione con i residenti, per trovare la soluzione migliore, e perché non è stato dato loro un congruo avviso (forse per paura di proteste?).
  • riguardo Piazza Castello

 

    • per quale motivo è stato istituito un nuovo punto di “carico e scarico merci”;
    • per quale motivo non sono stati ridotti i posti auto riservati al Comune;
    • se nei posti auto cd “riservati” posteggiano anche gli amministratori comunali e se sì chi sono gli amministratori autorizzati e se possiedo dei pass specifici;
    • se si intendono ridurre il numero di posti auto riservati ai mezzi comunali, al fine di lasciare posti solo per i mezzi comunali per il servizio tecnico e di polizia locale e di emergenza.
  • in via generale

 

    • per quale motivo la Giunta , prima di procedere a queste riorganizzazioni, non ha approntato un piano comunale di riordino della viabilità prevedendo interventi ordinati, organici e complessivi, in sostanza perché non ha fatto una seria programmazione, e perché non ha sentito l’esigenza di confrontarsi nelle sedi istituzionali preposte e con i candelesi.

Candelo, 10 gennaio 2015

 

 

I consiglieri comunali

Renzo Belossi

Erika Vallera

Marco Vitale